......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

domenica 13 ottobre 2013

Un marito all'ora del tè di Marjan Kamali

Amore, guerra e vita, bevendo tè e mangiando baklava


Un romanzo fantastico per riscoprire come gestire, con simpatica tenerezza, gli alterchi e le differenti aspettative nel rapporto madre-figlia, ma anche un modo per conoscere lo stile intensamente magico ed umoristico con il quale la scrittrice iraniana, Marjan Kamali, ci parla del suo Paese e di come i migranti, sfuggiti al governo rivoluzionario di Saddam, continuano a vivere nel resto del mondo. In particolare, il romanzo approfondisce il tema “caldo” dei rapporti USA-Iran.
Le protagoniste sono due.

Mina è una ragazza di 25 anni, nata a Teheran e vissuta, negli ultimi 15, a New York, di cui ha imparato tutto, ma che non sente completamente sua.

Darya è la madre laica e progressista di Mina che in America ha portato con sé tutto l’amore per le tradizioni e la cultura del suo Paese, nel quale spera di ritornare.

La copertina originale
L’America è stata per entrambe, Darya e Mina, un rifugio sicuro, come per il resto della loro famiglia: il marito Parviz, e i due, rispettivamente, figli e fratelli maggiori. L’America ha dato loro la possibilità di vivere liberamente, senza restrizioni o limiti. Ha dato autonomia lavorativa, con ottime possibilità, e libertà di espressione e opinione, senza una vita di continui pericoli o privazioni.

Il titolo “Un marito all’ora del tè” è simpaticissimo e riguarda l’ardire di Darya nel voler rispettare un’antica usanza iraniana, quella del matrimonio combinato, per offrire alla figlia, in dono, un marito, così come, a suo tempo, sua madre lo aveva organizzato, o meglio “incoraggiato”, per lei. Ma Mina è diventata una ragazza occidentale e trova terribilmente imbarazzante e inutile la cerimonia del tè, durante la quale incontrare, di volta in volta, il candidato aspirante marito, selezionato con cura da sua madre.

Il romanzo è datato 1996 e si compone di tre parti. La seconda, però, narra il passato, il 1978 a Teheran e l’infanzia di Mina che descrive, con gli occhi di lei bambina, com’è cambiata la vita lì, nel periodo in cui è arrivato Saddam, e come ci si è dovuti abituare al regime e all’orrore dei bombardamenti e alla progressiva perdita della libertà, fino ad essere costretti alla fuga.

Un marito all’ora del tè è anche un romanzo che parla di religione (“è una stampella per i deboli. È una via di fuga. Un’illusione. Un mezzo per farsi manipolare”) e di politica (“Il pendolo oscilla. Da un estremo all’altro. Gli uomini esprimono sempre le loro idee attraverso le donne”).


È un romanzo con il quale ridere e piangere, che, con lo stile della commedia romantica, descrive la cultura, i colori, i profumi e la realtà dello spaesamento vissuto dai migranti, costretti ad abbandonare la loro Patria per adattarsi a vivere altrove. L’integrazione è sempre difficile e, nonostante l’apparente inserimento, manca sempre quel qualcosa che si acquisisce dalla nascita, quel senso di “sentirsi come a casa”. 

Darya non ha il coraggio di dire al marito che vorrebbe rivedere la sua casa e i parenti lasciati a Teheran, mentre Mina ha bisogno di quel viaggio per riscoprire le sue radici e compiere quella che sarà la scelta più importante della sua vita. 
 
http://youtu.be/XMoSlXyGM4A

La mia opinione la trovi anche su QLibri, Goodreads e Anobii.  
 


3 commenti:

Ambra ha detto...

Un libro sicuramente interessante da quello che scrivi. Da acqusitare e da leggere.

Paola ha detto...

Una recensione che invita alla lettura.
Ciao cara Pupottina, finalmente sono arrivata a salutarti, dopo tanto tempo. Ti lascio un abbraccio e un sorriso. Buona settimana

Rosa ha detto...

ciao Pupottina, grazie della interessante recensione e complimenti per le scelte librarie, anche in questo libro ci sono vari ingredienti che possono accontentare i vari tipi di lettori, per niente scontato e attuale, ciao grazie baci rosa a presto.9 buona settimana

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida