......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

venerdì 26 dicembre 2014

Uno strano luogo per morire di Derek B. Miller

Un libro vincitore di così tanti autorevoli premi (ECONOMIST TOP FICTION libro dell’anno, FINANCIAL TIMES best book dell’anno, GUARDIAN best crime e thriller dell’anno, KIRKUS REVIEWS best crime dell’anno) non può non suscitare interesse. Annoverato tra i migliori crime e thriller dell’anno, colpisce anche per il titolo inglese Norwegian by night che in italiano appare altrettanto forte ed interessantissimo: UNO STRANO LUOGO PER MORIRE. È il romanzo d’esordio di Derek B. Miller ed è un thriller, ma anche una commedia umana, una parabola politica, con un memorabile personaggio, Sheldon Horowitz. È americano. È ebreo. Ha ottantadue anni. È un vedovo in pensione. È un marine. Ha l’Alzheimer. Grazie a tutte queste caratteristiche, risulta un personaggio grandiosamente unico, cui ci si affeziona come ad un nonno.
 
Sheldon Horowitz è anche questo: è il nonno un po’ svampito di Rhea. Quando lei gli ha chiesto di trasferirsi in Norvegia, con lei e suo marito Lars, Sheldon le ha risposto: «Cosa ci verrei a fare?».
Ma al cuore, come alla famiglia, non si comanda ed è così che inizia l’ultima avventura di un ottuagenario che assiste ad un crimine, l’omicidio di una donna, e decide di mettere il salvo il suo figlioletto di otto anni, come non ha saputo tenere suo figlio alla larga dai mortali pericoli della guerra.

È un romanzo avvincente, interessante e che sa commuovere. La realtà, a volte, è quella della mente distorta dalla vecchiaia di Sheldon, dove i ricordi non sempre combaciano con le verità che ha raccontato o i segreti che ha voluto nascondere; altre, è quella della nipote che ha vissuto una storia diversa, crescendo con le cure amorevoli dei nonni americani.


Sheldon Horowitz è un personaggio complesso, grazie ai contrasti della sua mente che lo portano a confondere i ricordi, a distorcerli, a mescolarli con la sua realtà, di cui fanno parte anche i fantasmi del suo passato. È una storia esistenziale dentro altre storie, dove i racconti biblici si affiancano ai quelli di guerra, dove le crudeltà subite dal popolo ebraico si confondono con le atrocità delle guerre del presente, dove c’è sempre un cattivo pronto ad uccidere una madre per portarle via il figlio.

È un romanzo eccezionale, un’opera letteraria mascherata thriller, di cui si raccomanda vivamente la lettura.



Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida