......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

giovedì 2 luglio 2015

Voglio la tua morte di Peter James


Peter James non è soltanto uno dei tanti autori di bestseller, ma è il creatore della serie di thriller, incentrata  sul  detective Roy Grace, personaggio ispirato a un vero ispettore della polizia di Brighton. I suoi  libri hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo e, leggendo VOGLIO LA TUA MORTE, si comprende subito il motivo. È un thriller fantasticamente intricato, avvincente, appassionante dalla prima all'ultima pagina. Lo stile narrativo è cinematografico con colpi di scena frequenti e sembra di trovarsi a guardare un film di cui si percepisce anche la spiegazione recondita dietro ogni immagine. La struttura narratologica imprime dinamicità all'azione e riesce a caratterizzare superbamente ogni personaggio, entrando dove i pensieri, anche inconsci, si formano seguendo un rapporto di causa ed effetto.

Il leit motiv di VOGLIO LA TUA MORTE è la musica inquietante della vendetta che, come nei migliori gialli, è un piatto che va servito freddo. A sprigionare la sete di vendetta di Bryce contro la sua ex, Red Westwood, è il fatto che lei lo abbia lasciato, dopo avergli giurato che lo amava, e lui non vuole che nessun altro uomo possa averla. Il suo è un amore malato e possessivo ed è sempre stato così. Il loro rapporto non riusciva a trovare una via di mezzo tra la gioia e il dolore, le dava momenti di autentica estasi sessuale, ma l'avviliva dal punto di vista personale. Lei lo amava tantissimo e, nonostante gli episodi di violenza domestica, aveva trovato anche la forza di perdonarlo, più e più volte. Ma a tutto c'è un limite.

Due anni dopo Red è convinta di essersene liberata definitivamente. Lo pensa ancora ma non immagina che lui, nel frattempo, non l'ha mai persa di vista. È il suo stalker nascosto nell'ombra e sta pianificando il modo peggiore per ucciderla. Prima, però, deve trovare il modo di farla soffrire e di darle "quel fuoco" che lei cercava quando si sono incontrati grazie ad un annuncio hot.

Se leggendo questo romanzo si resta sorpresi, lo stupore aumenta quando si scopre che il poliedrico scrittore Peter James si è stato ispirato a due episodi che lo hanno coinvolto in prima persona. Il primo è stato un caso che ha seguito indagando con la polizia di Brighton. Lo scrittore si è imbattuto in un grave caso di abusi domestici e ne è rimasto profondamente ispirato, tanto da scrivere VOGLIO LA TUA MORTE.

Il secondo episodio è lo stalking che lui stesso a subito per dieci anni ad opera di una fan dei suoi romanzi.

Il thriller VOGLIO LA TUA MORTE parla delle dinamiche che si possono creare in un rapporto e di come le persone coinvolte cambino: gli uomini si alterano, diventano violenti, e le donne se ne incolpano. Questo è alla base di rapporti malati che non portano mai a niente di buono. L'abuso domestico e il femminicidio sono realtà oggi giorno sempre più ricorrenti e il fenomeno è molto più grave di quanto si pensi.

Peter James è stato formidabile nel descrivere le dinamiche che portano all'ossessione vera e propria.

È ottimo questo romanzo della serie e, senza ombra di dubbio, leggerò anche gli altri.  

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida