......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

sabato 27 giugno 2015

Novità BEAT EDIZIONI Luglio 2015

L'altra riva del Bosforo, THERESA REVAY
Traduzione dal francese di Roberto Boi
416 pagine - 12,90 euro - EAN 9788865591970
Edizione originale SuperBeat
Un anno infausto il 1918 per Selim Bey e per l’intera Stamboul. Le navi da guerra degli Alleati hanno gettato l’ancora nel Bosforo, e la città freme di sdegno per quell’intrusione. Inglesi, francesi, italiani, persino greci. Un’invasione d’infedeli, l’umiliazione più grande. Certo, gli ottomani hanno perso la guerra e firmato l’armistizio con gli inglesi il 30 ottobre. Il triste spettacolo dei profughi ospitati nei cortili delle moschee – intere famiglie scacciate dal progressivo disfarsi di un Impero in decadenza – è, tuttavia, una ferita ancora aperta nel cuore di Selim e di sua moglie Leyla.
A questo si aggiunga la scomparsa, e il ritorno a casa in circostanze ancora peggiori, di Ahmet, il loro piccolo di sette anni. Desideroso di andare a contemplare le corazzate all’ancora nel porto, Ahmet ha superato il muro di cinta che protegge la loro proprietà e si è immerso nel dedalo della vecchia Stamboul, dov’è facile smarrirsi anche in giornate benedette da un sole radioso. Dopo lunghe ore di angosciosa attesa, è riapparso in compagnia di un francese, Louis Gardelle, un ufficiale snello, asciutto, con i capelli neri ingrigiti sulle tempie e, alle mani, il tremito tipico dei combattenti con l’anima ammaccata dalle ostilità...
Intrecciando con maestria avvenimenti realmente accaduti e personaggi di finzione, Theresa Révay riesce nell’impresa di «rinnovare la grande tradizione del romanzo romantico» (Le Maine Libre), e di offrire ai lettori una splendida storia d’amore che parla di libertà e di destino e di ciò che, ieri come oggi, separa Oriente e Occidente.

«Un romanzo bellissimo» LeggereDonna

Theresa Révay
è nata a Parigi. Ha lavorato come traduttrice dal tedesco e dall’inglese. Il suo romanzo d’esordio, Valentine ou le Temps des adieux, ha ricevuto un’ottima accoglienza da parte di critica e pubblico ed è stato finalista al prestigioso Prix des Deux-Magots 2006. I suoi romanzi sono tradotti in numerosi paesi. Nel 2014 Neri Pozza ha pubblicato nelle edizioni SuperBeat Le luci bianche di Parigi.
Ogni cuore umano, 
WILLIAM BOYD
Traduzione dall’inglese di Vincenzo Mingiardi
608 pagine - euro 9,00 - EAN 9788865592656
Edizione originale Neri Pozza
In ogni uomo, come in un abbecedario dell’evoluzione, palpita di volta in volta il cuore di una bestia, di un intellettuale, di un mostro egoista o di una nobile persona. Ogni essere umano può davvero dire: «io sono tutte queste persone differenti – tutte queste persone sono me».
E, tra tutti gli esseri umani, soprattutto lui, il protagonista di questo romanzo: Logan Mountstuart, che negli anni Trenta è a Londra, vive a Chelsea come un perfetto dandy e frequenta Cyril Connolly e una frivola e molto compresa di sé Virginia Woolf. Lui, Logan, che a Parigi diventa amico di Joyce, Picasso, Hemingway e, in Spagna, durante la guerra civile, è un fiero combattente e, durante la seconda guerra mondiale, in compagnia di Ian Fleming, una perfetta spia dell’intelligence britannica. Lui, lo scrittore anglouruguayano, che nel dopoguerra newyorchese è a suo agio tra i bohémien dell’avanguardia artistica e, negli anni Settanta, è di nuovo in Inghilterra, dove gli accade inconsapevolmente di fare da corriere alla Baader-Meinhof.

«Ogni cuore umano non è solo avventura e ricostruzione storica. La sua immediatezza poggia, infatti, su uno stile davvero intimo, quasi sussurrato, che stimola la nostra complicità». Il Sole 24 Ore
William Boyd è nato ad Accra, in Ghana, il 7 marzo del 1952 e vive oggi a Londra. È considerato uno dei grandi scrittori inglesi viventi. Tra le sue opere si segnalano: Una tempesta qualunque (Neri Pozza 2015), Aspettando l’alba (Neri Pozza 2012), Inquietudine (Neri Pozza 2006, BEAT 2012), Le nuove confessioni (Neri Pozza 2007).
Nel deserto del pensiero. Quaderni e diari, 
HANNAH ARENDT
Traduzione dal tedesco di Chantal Marazia
672 pagine  9,00 euro EAN 9788865592748
Edizione originale Neri Pozza 
Il libro raccoglie i 29 quaderni manoscritti sui quali Hannah Arendt annotò, nel corso della sua vita, i suoi pensieri, le sue letture, i suoi progetti, le sue suggestioni. È un’opera unica in cui si manifesta in tutta la sua pienezza l’originale riflessione di una delle pensatrici fondamentali del Novecento.
Hannah Arendt vi appunta i pensieri nel momento della loro insorgenza, come materiali di un laboratorio di idee da meditare e sviluppare. Platone, Kant, Marx, Nietzsche, Montaigne, i suoi maestri, Jaspers e Heidegger, affiorano in queste pagine, così come i temi fondamentali della sua ricerca: il problema del male e l’assenza di pensiero che lo caratterizza, il carattere etico della conoscenza, la verità dell’agire politico.
Più di ogni altra cosa colpisce come l’esistenza sia per Hannah Arendt «un esperimento, oltre che un’esperienza; il banco di prova del suo pensiero» (la Repubblica).

«Da Kant a Schmitt nel laboratorio di Hannah Arendt… le idee che contano del pensiero contemporaneo».
Corriere della Sera
Hannah Arendt (1906-75) fu allieva di Heidegger, Husserl e Jaspers. Nel 1941 si trasferí negli Stati Uniti, dove insegnò all’università di Chicago, a Berkeley, Princeton e, dal 1967, alla New School for Social Research di New York. Tra le sue numerose opere figurano: Vita activa (Bompiani 1994), La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme (Feltrinelli 2000), Le origini del totalitarismo (Einaudi 2004), Responsabilità e giudizio (Einaudi 2004) e Sulla rivoluzione (Einaudi 2006).


Il palazzo degli specchi, AMITAV GHOSH
Traduzione dall’inglese di Anna Nadotti
640 pagine - 9,00 euro - EAN 9788865592069
Edizione originale Neri Pozza  

Nel novembre del 1885, il giovane Rajkumar sbarca col suo sampan a Mandalay, la capitale di un regno – il regno di Birmania – giunto ai suoi ultimi giorni. La casa reale ha chiamato i sudditi a combattere contro i barbari inglesi, i quali, però, coi loro tre battaglioni di sepoy temprati da mille battaglie, hanno agevolmente travolto gli avamposti. L’esercito birmano si è disintegrato, e il popolo si è riversato nel palazzo reale mettendo a soqquadro ogni cosa.
Rajkumar si aggira nel Palazzo degli specchi, guardando stupito le sue pareti di cristallo lucente e i soffitti colmi di decorazioni che la gente saccheggia con furore. Nell’arco di sessant’anni, il ragazzo diventerà ricco grazie al commercio di legname, perderà tutto durante la guerra e, rifugiato a Calcutta, rimpiangerà il «paese d’oro» della sua giovinezza.

«L’avvincente storia di un mondo in transizione, fatta vivere attraverso personaggi che amano e soffrono con pari intensità». J.M. Coetzee
Amitav Ghosh è nato a Calcutta nel 1956 e vive tra la sua città natale e New York. Tra le sue opere, pubblicate in Italia da Neri Pozza, figurano Il fiume dell’oppio (2011), Le linee d’ombra (2010), Lo schiavo del manoscritto (2009), Mare di papaveri  (2008, BEAT 2011), Il cromosoma Calcutta (2008, BEAT 2013), Il Palazzo degli specchi (2007), Circostanze incendiarie (2006), Il paese delle maree (2005).

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida