......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

martedì 23 giugno 2015

Ho sposato un'ombra di Cornell Woolrich



Cornell Woolrich è uno dei più grandi giallisti americani. Ne ho lette tante delle sue storie crime, ma è questo il romanzo che me lo ha fatto adorare. HO SPOSATO UN'OMBRA ha saputo appassionarmi e coinvolgermi gradualmente. Il personaggio di Helen mi ha portata a guardare nell'incubo. È un giallo mozzafiato che si trasforma progressivamente in un thriller serrato dove niente è lasciato al caso. È la storia di come può essere complicato e pericoloso trasformarsi in qualcun altro.

Helen è una donna qualunque con tanti problemi, che di giorno in giorno arrivano a schiacciarla. Da sola, senza un soldo e con un figlio in arrivo, tutto quel che le rimane è un biglietto ferroviario per San Francisco, che qualcuno le ha dato per togliersi di torno. Ma è su quel treno che incontra il suo destino, sotto le sembianze di una coppia di sposini. Con la solare Patrice nasce una simpatia istintiva e le due diventano subito amiche. Poi il mondo va sottosopra. Accade uno spaventoso incidente. Tutto diventa buio e Helen si risveglia in un letto d'ospedale. La attendono tre notizie sconvolgenti: ha partorito negli istanti del disastro, i suoi compagni di viaggio sono morti e il nome della paziente sul suo cartellino è quello della sua nuova amica defunta. Decide di non denunciare lo scambio di persona e assume l'identità della defunta nella casa dei suoceri, che non hanno mai visto né incontrato la nuora. Presa questa decisione, il peggio per la sfortunata Helen-Patrice non è ancora passato. Si rende presto conto che non è il suo di passato a doverla preoccupare, ma quello della donna di cui ha rubato l'identità.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida