......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

lunedì 7 aprile 2014

Tracce di morte di Tim Weaver

Tim Weaver è un autore di thriller, ricchi di colpi di scena e suspense, il quale sin dal primo libro, TRACCE DI MORTE, ha provocato in me una sorta di dipendenza. Il merito va attribuito al personaggio, alla trama, all’intreccio, alle componenti del giallo, ecc. Avendolo letto nella traduzione italiana, forse un po’ del merito, per l’alto gradimento riscontrato, va attribuito anche al traduttore, che ha reso questo tsunami di emozioni e azione.  È uno di quei romanzi che fra un po’ di anni si ha la voglia di rileggere e che si è fieri di sfoggiare nella propria libreria. È un autore che, per me, si è rivelato un’autentica scoperta. Le sue storie non hanno punti morti. L’indagine non annoia mai, anche quando sembra che non ci sia niente che possa accadere, giunge un elemento destabilizzante e si ricomincia daccapo. Lo stesso protagonista, David Raker, è costantemente in pericolo; è l’ex giornalista d’assalto che ora risolve misteri di scomparse inestricabili; è l’uomo, con un passato doloroso, che ancora incombe, ma è sempre un passo avanti agli altri, con un piede nel precipizio del pericolo e nell’universo della follia. 


Di David Raker viene detto: Ti manca quel meccanismo che avverte le persone quando il troppo è troppo. Non sai quando fermarti. Continui a tappare buchi in giro per il mondo solo perché sai cosa si prova a perdere una persona, e non vuoi che nessun altro debba sopportarlo. Lo stai facendo per LEI. Il caso dell’anno scorso era per LEI. E anche questo. Stai riempiendo il vuoto che si è lasciata dietro accollandoti le sofferenze degli altri. Io non posso competere con questo.


È questo lato umano del nostro eroe che lo rende più interessante, affascinante ai nostri occhi e nel quale ci si affianca e ci si “immedesima”.

In TRACCE DI MORTE il lettore si ritrova, per la seconda volta, accanto al complesso protagonista di David Raker, convinto di conoscerne ogni aspetto psicologico, ma predisposto a scoprirne qualcosa di nuovo. Il lettore si trova a seguire i suoi passi nella nuova indagine relativa alla misteriosa scomparsa di una studentessa modello. Come ogni sparizione, anche quella di Megan Carver, è avvolta in un alone di mistero, ma nasconde più malvagità e follia di quelle che si riescano ad immaginare e sta al lettore scoprirlo, leggendone ogni pagina, mentre la narrazione lo coinvolge, con il suo ritmo serrato, avvincente, denso di colpi di scena e, allo stesso tempo, profondamente psicologico.

Un romanzo che gli amanti del genere thriller non potranno non apprezzare.




1 commento:

Kylie ha detto...

Sai che l'uomo della sabbia non mi è piaciuto granché? La storia è molto ansiogena, ti lascia un senso di inquietudine dentro, ma non ho sentito il desiderio di leggere avidamente come per altre storie.

Buona giornata!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida