......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

mercoledì 16 aprile 2014

Amori in viaggio di Alexander McCall Smith

La persona giusta al 100%



L’amore è il più bello e, allo stesso tempo, il più complicato dei viaggi che l’essere umano si trova ad affrontare, ma è un immenso peccato non avere la fortuna di incontrarlo, almeno una volta nella vita.

Amare è ciò che di buono possiamo fare nella vita.

Ho già apprezzato lo scrittore inglese Alexander McCall Smith, per i suoi gialli ambientati nel Botswana, e in AMORI IN VIAGGIO, abbandonando momentaneamente il genere giallo, percorre un altro filone narrativo raccogliendo, in un breve romanzo, l’essenza e la magia di questo sentimento, purissimo e misterioso, attraverso il racconto di quattro personaggi, Hugh, David, Kay e Andrew, occasionali e casuali, occupanti di uno scompartimento all’interno di un treno, partito da Edimburgo e diretto a Londra.

Questa è la storia di quattro persone, di quattro sconosciuti che si conobbero su quel treno e di come, in modo assai diverso, l’amore tocco le loro vite. L’amore non è qualcosa di straordinario, anche se pensiamo che lo sia, anche se lo idealizziamo, se lo cantiamo in versi o se lo celebriamo con sentimentalismo a San Valentino.

Il viaggio è lungo, ma diventa il luogo ideale per ripercorrere emozioni e sentimenti.

Da tempo immemore esiste il luogo comune che vede nel viaggio il topos, la chance, il momento ideale per riflettere e risolvere questioni in sospeso dell’anima.

Per i quattro viaggiatori diventa il punto d’incontro per confrontarsi sul tema dell’amore e sulle rispettive esperienze. Così si crea una vicinanza, un’intimità che scaturisce da un’occasione unica, non destinata a ripetersi.



L’amore è qualcosa che accade a tutti. È come il morbillo o le malattie infantili. È tanto prevedibile quanto i denti da latte che cadono o la voce di un bambino che si fa profonda. Può farci visita in ogni momento, da giovani o da vecchi, quando pensiamo che non possa più accaderci: be’, può. È stato descritto come un mal di denti, come una follia o un veleno divino, tutte metafore degli effetti scioccanti che ha sulle nostre vite. Può procurarci sorpresa, gioia, disperazione e, di tanto in tanto, può portarci in uno stato di grazia assoluta.

Ma per ogni persona che l’amore rende felice, ce n’è un’altra che getta nello sconforto. Il fatto è che può essere davvero effimero delle volte: per un istante può mozzarci il fiato, ma già l’istante dopo può lasciarci svuotati.



L’amore resta la miglior cosa che possa accaderci. ;-)




Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida