......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Calendario letterario 2018

giovedì 19 settembre 2013

I confini del nulla di Carsten Stroud


Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe accaduto? Nel mio cuore, Stephen King è stato soppiantato da Carsten Stroud. La sua trilogia, Niceville, mi entusiasma sempre di più.

Ho appena finito il secondo volume della trilogia, I confini del nulla, e vi posso assicurare che il nulla sembra non avere confini in una storia avvincente e assolutamente superlativa nell’esito.

Rainey, il bambino scomparso e ritrovato in Niceville, è sempre più inquietante ed ha un segreto: quella nuova cosa è dentro di lui, ma lui non sa cos’è.


Il primo romanzo, che dà il nome alla trilogia, Niceville, ha lasciato il lettore in sospeso con un eclatante finale catastrofico, impensabile e sconvolgente.


Il lettore era rimasto a chiedersi cosa avrebbe inventato Carsten Stroud per il seguito.

Le vicende, ambientate nell’omonima cittadina, sin dall’inizio, si complicano e si dipanano, introducendo nuovi personaggi e inediti risvolti. Ad un certo punto, prosegue risolvendo alcune delle vicende, mentre la storia principale che ruota intorno al detective della omicidi, Nick Kavanaugh, si rinnova di mistero. Niceville è quel luogo, apparentemente tranquillo, ma profondamente strano, dove tutti i cittadini hanno segreti su segreti e dove le ombre rincorrono i vivi ed, in particolare, i discendenti delle quattro famiglie fondatrici.

I confini del nulla è un romanzo pieno di orrore, visioni, fantasmi, delitti efferati e molto altro ancora. La componente mistery della ghost story domina sulle vicende dei protagonisti, ma non manca anche quel tocco di azione, di avventura e poliziesche sparatorie, cui Carsten Stroud ci ha abituati. Il mio cattivo preferito, un intrigante uomo d’azione alla Clint Eastwood, Coker, è ancora vivo, mentre altri personaggi sembrano essere usciti di scena. Niceville continua ad essere una città che ha segreti sepolti e nella quale i cittadini non possono mai essere completamente tranquilli, sebbene riescano infine ad avere un po’ di tregua, che il lettore percepisce come apparente ed instabile. Sicuramente, Carsten Stroud ha in mente molti risvolti interessanti da far prendere alle vicende, mentre su Niceville, oltre al Crater Sink, incombe anche la leggenda Cherokee di Tal’ulu, la mangiatrice di anime.


1 commento:

Anonimo ha detto...

non vedo l'ora di leggere il terzo !

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida