......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Calendario letterario 2018

giovedì 5 settembre 2013

Come inciampare nel Principe Azzurro di Anna Premoli

Ho fatto ambo con i libri di Anna Premoli. Non c’è niente di suo che non abbia letto. ;-)

Dopo il tanto mertitatamente osannato Ti prego lasciati odiare, di cui spero di poter vedere presto la trasposizione cinematografica, non mi sono fatta mancare anche il secondo chick lit, pubblicato da Newton Compton.

La copertina di Come inciampare nel principe azzurro mi piace di più rispetto a quella del precedente romanzo che pure era graziosa, ma meno d’impatto. Almeno per il mio modesto parere.

Anche il titolo è clamoroso ed efficace e, come per il precedente romanzo, anticipa quella che è la storia, in linea con il genere chick lit che, in Italia, Anna Premoli è riuscita ad arricchire di simpatia e ironia, oltre che di effervescente leggerezza. Se di uno scrittore si può capire l’anima e l’indole della persona attraverso i suoi personaggi, Anna Premoli deve proprio essere l’amica che tutte vorremmo avere accanto nei momenti no. Brillante e vivace, il suo stile scatena la risata e riesce a mantenere costantemente viva l’allegria della lettrice che vi si accosta o anche del lettore uomo, perché sono a conoscenza di molti uomini che si divertono a leggere i chick lit nel privato delle mura domestiche. ;-) (E, con questa rivelazione, voglio sfatare il mito che il genere chick lit sia solo letteratura femminile.)

Premio Bancarella 2013
Tornando alla trama e ai personaggi che sono quasi come da copione, la novità da segnalare è l’ambientazione scelta da Anna Premoli per il trasferimento della sua eroina sui tacchi a spillo, Maddison, che, per un avanzamento di carriera, viene catapultata in Corea del Sud e precisamente a Seul, insieme al suo capo americano, ma di origini coreane, il tanto affascinante quanto intransigente, Mark Kim.

La seconda novità rispetto al genere chick lit è rappresentata da tutte le parti in cui la scrittrice rallenta un po’ la narrazione per far conoscere al lettore luoghi e usanze coreane, per descrivere interi quartieri di Seul e località vicine in cui la protagonista, insieme al suo capo, viaggia per le riunioni di lavoro. Questo aspetto rende ancora più interessante e ricco di spessore un libro che dovrebbe essere soltanto una lettura leggera. Al termine del romanzo, anche io, avevo voglia di intraprendere un viaggio nella stupenda Seul, per visitarne personalmente i luoghi e per gustarne i sapori che Anna Premoli, attraverso gli occhi della sua protagonista, è riuscita a farmi amare. La “Miss Perfettina”, Maddison, altissima, bellissima, biondissima e molto pudicamente inglese, è colei che riesce a far breccia nel cuore di un uomo convinto che oltre al lavoro non ci sia altro. Lui incarna, in tutto e per tutto, un moderno Principe Azzurro, quello anticipato dal titolo, soprattutto dopo che lei impara a conoscerlo anche per il suo lato umano e non soltanto per la maschera che indossa nell’ambiente lavorativo.


Non mi fermerei più nel parlarvi di quanto ho apprezzato questo romanzo e devo rivelarvi che mi è piaciuto più del primo. Anche per questo romanzo vorrei vedere ogni capitolo diventare la scena di un film.

E anche per questo romanzo credo che un nuovo premio sia doveroso.

Se Ti prego lasciati odiare è stato il vincitore del Premio Bancarella 2013, rivelandosi un vero e proprio caso letterario c’è sicuramente un perché ed io l’ho trovato.

Grazie, Anna, per l’allegria, il buon umore e il romanticismo che il tuo romanzo mi ha trasmesso!  


 

5 commenti:

Ambra ha detto...

Hai ragione. C'è una differenza sostanziale tra le due copertine e la seconda è sicuramente di maggior impatto.

Carmine Volpe ha detto...

l'augurio è quello di incimparci veramente guardandosi intorno :-)

Flor ha detto...

Mmmm... mi sa tanto che dovrò leggerli!!! :)
Ciao Pupottina!!! Bacioni :)

Felinità ha detto...

intrigoso, inciamparvi uhmmm

Titti ha detto...

Se apprezzi questi libri così, vorrei leggerli...

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida