......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

sabato 3 gennaio 2015

L'amore bugiardo di Gillian Flynn


Gillian Flynn è tra le mie scrittrici preferite di thriller psicologici. La pubblicazione italiana di questo libro, tradotto in L’AMORE BUGIARDO, mi è sfuggita a suo tempo, ma l’uscita del film ha posto rimedio alla mia mancanza.
Come sempre, le sue storie sono diabolicamente geniali, machiavelliche, articolate, dettagliate, sorprendenti. Questa volta, però, la storia d’amore e coniugale di Nick e Amy, che coinvolge perché richiama eventi di cronaca nei quali prende risalto il fenomeno della violenza sulle donne, è forse troppo costruita e contorta, tanto da apparire irreale. È un romanzo in cui c’è troppo. Anche troppe riflessioni che si vorrebbero evitare.
Confesso di essermi un po’ persa con i troppi dettagli e forse, proprio per questo motivo, ne ho apprezzato meno la lettura.
Il tema principale, l’amore, è espletato nella maniera più approfondita che abbia mai incontrato durante le mie letture sull’argomento. Forse anche troppo.

In amore, entrambi i partner dovrebbero essere al loro meglio in qualunque momento per poter non far venir meno la scintilla che ha portato a generare il sentimento. L’amore incondizionato è amore indisciplinato, e come tutti abbiamo potuto vedere nelle nostre esperienze, anche personali, l’amore indisciplinato è disastroso a tutti gli effetti. Da questo punto di partenza, viene spiegata la natura dell’amore, nella visione dei personaggi della Flynn. In teoria si dovrebbe amare il partner, malgrado le sue inadeguatezze e nonostante le sue stravaganze. Ma è evidente che nessuno dei due protagonisti ci riesce, e questo fa supporre che tutti si sbaglino quando parlano dell’amore. In realtà, in amore, ognuno deve sottostare a molte condizioni che possono provocare problemi e incrinare il rapporto di coppia, dopo aver compromesso il sentimento. La storia d’amore dei due viene indagata in profondità, giorno dopo giorno e con il progredire delle indagini, fino ad un plateale colpo di scena che ribalta la situazione di partenza e le aspettative del lettore che si trova dinanzi ad un prodotto editoriale nuovo nel suo genere.
Se dalla creatività di uno scrittore si cerca di intuire la personalità reale, nascosta dietro al nome, con Gillian Flynn forse è meglio non interrogarsi troppo.
Sicuramente, questo libro porta a guardare al di là delle apparenze di una coppia e a mettere in discussione l’opinione che ognuno di noi ha della storia che vive.
I giochi psicologici che ruotano nella dinamica di coppia ci portano ad interrogarci prima su chi è il marito e su cosa può aver commesso. Poi è la volta della moglie e le riflessioni si ribaltano sconvolgendo nel profondo anche il lettore.
Fantastico nell’articolazione della trama, ricca di suspense, caratteristica primaria dei thriller, altamente psicologici, della Flynn, ma forse troppo sconvolgente per chi vuole vivere la propria storia sentimentale senza doversi porre troppe domande su se, come e perché. 


Mi hanno sempre detto che l’amore 
dovrebbe essere incondizionato, così è la regola. 
Ma se l’amore non ha confini, né limiti, né condizioni, 
perché uno dovrebbe sforzarsi di comportarsi bene? 
Se io so di essere amata qualunque cosa accada, 
che gusto c’è?

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida