......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

giovedì 20 febbraio 2014

Un fantasy che è un fecondo mix di suggestione e riflessione

I CENTOMILA REGNI
Nora K. Jemisin
Gargoyle Extra - pp. 382 - 18 €
Vincitore del Locus e del Romantic 
Times Reviewer’s Choice Awards 2011
come Miglior Romanzo
Candidato al Nebula, Hugo, Word Fantasy, 
Crawford e Gemmell Awards 

Se dèi e mortali si ritrovano insieme, qualcuno deve soccombere, a meno che...

All’inizio di tutti i tempi venne combattuta una guerra tra Nahadoth, il Signore della Notte, dio del caos e del cambiamento, e il fratello Itempas, il Signore Lucente, dio dell’ordine e della quiete. Nahadoth la perse procurando a lui e alla sua divina progenie l’intollerabile castigo dell’assoggettamento eterno agli umani, i nemici di sempre. A distanza di qualche migliaio di anni, il Signore della Notte e le altre divinità sottomesse dimorano nella maestosa città di Sky, fianco a fianco con i membri della famiglia reale degli umani Arameri. Questi, dal Palazzo di Corte, godono della stupefacente panoramica di tutti i Centomila Regni in balìa del loro brutale dominio. Forti di tanta influenza, gli Arameri possono permettersi di plasmare la vita dei sudditi degli altri territori come vogliono e di assecondare i loro personali capricci e sadici desideri, abusando delle facoltà sovrannaturali di Nahadoth e degli altri dèi in cattività. Notoriamente crudeli e freddi, gli Arameri puniscono con la morte chiunque ne questioni la supremazia. Ma i nemici più pericolosi degli Arameri sono essi stessi, impegnati a cospirare di continuo gli uni contro gli altri. Ciò avviene più che mai quando si pone il problema della successione al trono. Il vecchio sovrano Dekarta convoca i suoi nipoti: i fratelli gemelli Scimina e Relad, e la giovane Yeine, figlia di sua figlia Kinneth, appena morta in circostanze oscure. Yeine è nata e vive a Darre, una periferica e arretrata regione settentrionale, che lascia per recarsi a Sky. Durante l’udienza gli eventi prendono una piega spiazzante: il patriarca Dekarta nomina eredi tutti e tre i suoi nipoti, anche Yeine dunque può ambire al trono dei Centomila Regni, ossia del mondo intero. Suo malgrado, la ragazza si trova dentro una spietata competizione per il potere. Così, catapultata in una terra estranea, all’interno di una famiglia fino ad allora sconosciuta, Yeine deve districarsi in un puzzle intricatissimo di macchinazioni politiche, sotterfugi pericolosi e alleanze mutevoli, imbastito sia dagli umani egemoni sia dagli dèi asserviti. Quest’ultimi, non senza ambiguità, aiutano la ragazza a far luce sulla sanguinosa storia all’origine della stirpe degli Arameri e sulla morte di sua madre – sconfessata vent’anni prima da Dekarta perché unitasi a un uomo, il futuro padre di Yeine, a lui sgradito. Scoperta la verità, Yeine troverà il coraggio e la fermezza necessari per imprimere una svolta incredibile non soltanto al suo personale destino. 


Copertina originale
Nora K. Jemisin attinge da una vasta varietà di culture, religioni e teorie per dare vita a uninedita e ben strutturata mitologia, dove tutti i personaggi, siano essi uomini o dèi, incarnano un archetipo dai tratti estremizzati – candore, tenebre, tradimento, furbizia, dissolutezza – e dove – distanziandosi dall’epic fantasy più cruento che procede sotto l’egida del compromesso – si compie una riabilitazione della moralità, quale capacità di discernimento tra potere e abuso, integrità e corruzione.
L’uso della prima persona rende Yeine detentrice unica del punto di vista narrativo creando così un’empatia speciale con il lettore, che ne avverte da subito le sensazioni più recondite, i sussulti di memoria, i dialoghi interiori, i contraccolpi emotivi. Laddove la prospettiva di Yeine non riesce a fornire risposte, subentrano le ipotesi dello stesso lettore, quasi che l’autrice avesse voluto incoraggiarne una tensione speculativa per coinvolgerlo ancora di più nella sua materia narrativa.
Incontrovertibile pilastro della storia è il depotenziamento apparente degli dèi in favore degli umani, un esplosivo trompe-lœil letterario nonché elemento di maggiore vivacità della trama. Questi dèi in cattività, infatti, non se ne stanno affatto tranquilli e complottano inarrestabilmente contro gli umani, non esitando a mettere in mezzo alla loro plurimillenaria congiura anche un essere mortale come Yeine, portatore di una condotta diversa dai suoi spregevoli consimili. Pur riconoscendo gli intenti manipolatori di cui è vittima, però, Yeine alla fine è pronta ad assumersi apertamente le nuove responsabilità derivatele dal suo prestigioso status e non solo, e decide sulla cosa più importante di tutti e per tutti, indifferenziatamente: la libertà.
E se la fortuna del romanzo di formazione del III millennio risiedesse nel fantasy? È, infatti, sempre più frequente che la bildung si affratelli al fantastico – pensiamo solo a Neil Gaiman, Brandon Sanderson, Jo Walton, Sarah Ash – attraverso trame di articolata incisività. In tal solco si colloca di buon grado lo splendido esordio di Nora K. Jemisin. Lungi dal rivelarsi un limite, la complessità delle prove con cui Yeine deve misurarsi per raggiungere una piena maturità genera un fecondo mix di suggestione e riflessione. Personaggio sfaccettato, Yeine Darr è più cose insieme: una forestiera che si muove guardinga in una società cinica e ostile; una possibile erede di un Regno sterminato; una figlia che deve riconciliarsi con il ricordo della madre, con i conseguenti disincanti e sconvolgimenti; soprattutto, un modello di umanità del tutto antitetico a quello dominante: una diciannovenne ancora acerba ai sentimenti definitivi ma che non è disposta a rinunciare al suo innato senso di giustizia.

La scrittrice
Nata nello Iowa, Nora K. Jemisin è vissuta tra New York, lAlabama e il Massachusetts. Laureata in Psicologia e specializzatasi in Scienza dell’Educazione, dopo diversi racconti, nel 2010 debutta brillantemente con il romanzo I Centomila Regni, che viene tradotto in tedesco, francese, spagnolo e adesso in italiano per i tipi di Gargoyle. Primo episodio di “The Inheritance Trilogy”, è seguito da The Broken Kingdoms (2010) e The Kingdom of Gods (2011). Jemisin è anche autrice della serie “Dreamblood” (finora composta dai romanzi The Killing Moon e The Shadowed Sun), incentrata su delitti che preannunciano unimminente guerra magica. Vive a Brooklyn, dove, oltre a scrivere romanzi e racconti, lavora come tutor accademico.

Da I Centomila Regni:
Nella lingua Darre abbiamo una parola per indicare l’attrazione che un pericolo può esercitare su una persona: esui. È l’esui che spinge i guerrieri a combattere battaglie senza speranza e li fa morire ridendo. Esui è anche ciò che spinge una donna a innamorarsi di uomini sbagliati per loro, uomini che diventerebbero dei padri senza valore. La parola Senmita che maggiormente si avvicina a questo concetto è brama, che può essere usata per indicare la brama di sangue o brama di vita, sebbene non riescano a rendere in modo adeguato i vari livelli di significato che include la parola esui. Questa è gloria, è follia. È tutto ciò che esiste di insensato, irrazionale, pericoloso. Ma senza l’esui, vivere non avrebbe senso.

Hanno detto:
L’insolito e avvincente racconto di una scrittrice carica d’estro. Kirkus Reviews

Un esordio sfolgorante. Struttura solida, personaggi superbi, trama complessa ma efficacemente sviluppata. Yeine è una protagonista dall’indubbio carisma, il viaggio che compie per andare incontro al suo destino resta impresso nella memoria. Romantic Times Book Reviews

I Centomila Regni è una delizia per il lettore e introduce una forte voce nuova nel genere fantasy. Library Journal

Personaggi sfaccettati lottano con i loro fardelli e desideri individuali, muovendo le fila di un plot fenomenale, con un sacco di colpi di scena a tratti divertenti a tratti spaventosi a tratti agrodolci. Publishers Weekly

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida