......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

domenica 27 novembre 2011

La donna in gabbia di Jussi Adler-Olsen


Pupottina partecipa all'iniziativa di Marsilio Editore: Blogger, a voi la parola!

Tutto in un “amen”!!! Esattamente come direbbe il detective Carl Mørk, eroe, poco convenzionale del libro La donna in gabbia dello scrittore danese Jussi Adler-Olsen. 
Sì, è proprio così, in un “amen”, che si legge questo libro, tutto d’un fiato, perché non è semplice staccarsi da una storia tanto avvincente, ben scritta e che coinvolge la vita di una bellissima e giovane donna in carriera, misteriosa e sfuggente. Pupottina ci ha messo solo tre giorni a leggerlo e ne è valsa la pena. Era da tanto che non leggeva un libro che la prendesse a tal punto. Forse dovrebbe dire dai tempi di Stieg Larsson, il cui genere è molto simile e a tratti migliore, poiché non c’è nemmeno mezza pagina che non va. Tutto è finalizzato ad uno scopo, comprendere la vita dei personaggi e giungere alla soluzione, seguendo un’indagine tortuosa che non suggerisce un finale felice. E’ un thriller psicologico ad alta tensione, una “crime story”, con una sottile vena comica che ne rende piacevole la lettura.
Ma vediamo insieme più approfonditamente di cosa parla. 
VOTO 10

Chi non ha letto questo libro ed ha intenzione di farlo, non continui a leggere, perché nel commento di seguito, Pupottina svelerà molte parti, unicamente per stimolare un dibattito con chi lo ha già letto.

Ci sono:
-la vittima, una bellissima parlamentare danese, Merete Lynggaard, che si volatilizza da un traghetto, mentre è in viaggio con il fratello handicappato;
-un detective, Carl Mørk, bravo nel suo lavoro, ma odiato dai colleghi a causa del carattere burbero e poco socievole, ma profondamente umano e variegato (infatti, di lui, scopriremo che, lontano da tutti, ha una vena fannullona che vorrebbe mantenere fino alla pensione, mentre si diletta nella soluzione di sudoku;
- e infine un, religioso e misterioso, assistente siriano, Assad, che dovrebbe fare soltanto le pulizie e non affiancare Mørk nelle indagini, ma non sa stare al suo posto, essendo curioso, intuitivo e con un’idea troppo classica di come dovrebbe essere il lavoro di un poliziotto.
A Mørk, che rientra a lavoro, dopo essere stato ferito in una sparatoria, viene dato l’incarico che nessuno vorrebbe, quello di gestire la Sezione Q, in un ufficio stipato nel seminterrato, dimenticato da tutti. Il suo compito, più una manovra politica che altro, è cercare di risolvere i casi irrisolti del passato, quelli che noi siamo abituati a chiamare “cold case”. Gli incartamenti dei casi irrisolti, fra cui scegliere, sono tanti e lui non ne conosce nessuno, poiché pensa solo a far passare il tempo, finché il suo assistente non gli fa venire la curiosità di sapere che fine ha fatto Merete Lynggaard. Cinque anni prima, di lei, i media avevano detto di tutto: poteva essere un omicidio, un suicidio, un incidente, una lite finita male o un rapimento. Ma nessuno aveva guardato nella giusta direzione. Nessuno aveva davvero voluto trovare la bellissima Merete, viva o morta che fosse.
La trama sviluppa l’intreccio narrativo alternando la storia personale di Carl e delle sue indagini con il dramma e le atrocità vissute dalla giovane donna, Merete. Anche il filo temporale alterna il tempo delle indagini con quello degli ultimi giorni di Merete, cinque anni prima. Il ritmo delle due storie procede parallelamente e questo meccanismo invoglia il lettore a non smettere. Dopo un po’ bisogna rendersi conto se in trappola è la vittima o il lettore, che non riesce a non farsi coinvolgere nelle vicende, per quanto terrificanti e sadiche essere giungano ad essere.
I personaggi principali sono stupendamente delineati. Anche i secondari vivono di vita propria e sono ben caratterizzati: alcuni più simpatici di altri, esattamente come accade nella vita.
Il finale, Pupottina non se lo aspettava così, sorprendentemente commovente. Era così coinvolta, così dentro la storia che non riusciva a non gioire e sentirsi soddisfatta dei traguardi raggiunti dai personaggi. Non è solo un thriller che diletta durante il tempo della lettura. È un libro che riesce a lasciare dentro qualcosa: adrenalina ed emozioni in una corsa contro il tempo, ma anche speranza e fiducia nel genere umano, ricostruendo dai dettagli l’importanza di qualunque vita.

Voi, l’avete letto?
Quanto vi è piaciuto?

15 commenti:

Isabel ha detto...

questo è decisamente il mio genere di libro :P

Vele Ivy ha detto...

Cavolo, l'hai già letto! Che brava!!! :-)
Io ho saltato la seconda parte della tua recensione, perché - come sai - lo leggerò anch'io. Però mi fa piacere l'entusiasmo con cui l'hai iniziata... mi fa presagire una gustosa lettura!

Maria Ianniciello ha detto...

Grazie mille per la segnalazione...

Rita Baccaro ha detto...

Ciao Pupottina, ottima recensione!!! Io ho scaricato l'e-book, ma in realtà ancora non ho iniziato a leggerlo per vari motivi. Spero oggi pomeriggio di potermi dedicare con tranquillità e di riuscire come te a finirlo in pochissimi giorni. Così poi ci confrontiamo. Per ora auguro anche a te una serena domencia. Un abbraccio

Emanuele Secco ha detto...

Io ho scelto l'altro libro. Staremo a vedere :)

E.

il monticiano ha detto...

Non ho continuato a leggere perché non ho letto il libro quindi mi affido al tua giudizio e farò in modo di leggerlo.
Grazie sempre dei suggerimenti.
aldo.

upupa ha detto...

Apprezzo molto la tua recensione...ma non è il mio genere, però si è sempre in tempo per cominciare, o no?

Felinità ha detto...

Intrigante, mi ispira una caccia libresca. Intanto sto per iniziare Apocallisse Z e il suo seguito I giorni Oscuri del galiziano Louriero, ti saprò dire .....
Miaooooùùùùùùùùùùùù

Adriano Maini ha detto...

Questa volta mi sa che ci provo! A leggere il romanzo.

Maraptica ha detto...

Non ho letto il seguito perchè io i libri me li vorrei mangiare tutti, intanto prendo titolo e autore... ho una lista sterminata che non mi basterebbero 10 vite :(

riri ha detto...

Quoto Mara...attualmente sto leggendo Aleph, di Coelho, che è molto bello, prendo nota per Natale...intanto un abbraccio per tre, un sorriso che rivoglio indietro e tanta simpatia:-)
Buon inizio settimana e tutto quello che devi fare, qui un freddo cane, governo ladro!!!!

Rosa ha detto...

ciao pupottina grazie per questa indicazione e recensione del libro, non l'ho letto ma le storie psicologiche mi piacciono, se oroniche ancora meglio, veedro' di rintracciarlo grazie, buona settimana baci rosa a presto.9

Titti ha detto...

Se hai scritto così, sembra interessante...

Chiara ha detto...

Letto anche io!
Mi è piaciuto molto. E dire che i gialli non sono neanche il mio genere.
E' un libro che appassiona e incuriosisce: non vedi l'ora di sapere come sono andate le cose e allo stesso tempo non vuoi finirlo perchè ti dispiace.

Credo che leggerò altri libri di questo genere. La mia esperienza è stata veramente positiva.

Vele Ivy ha detto...

L'ho letto e condivido la tua recensione!!
I personaggi sono interessanti e simpaticissimi, lo stile è scorrevole e anch'io mi sono commossa nel finale... bello bello! Dici che abbiamo trovato chi ci consola della perdita di Larsson? Tra l'altro lo scrittore mi sembra proprio un bel tipo ;-)
Se vuoi leggere la mia recensione per intero, è qua:
http://colorarelavita.blogspot.com/2012/01/la-donna-in-gabbia-jussi-adler-olsen.html

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida