......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

martedì 9 giugno 2015

Io so perché canta l'uccello in gabbia di Maya Angelou

È un opera delicata, dallo stile narrativo preciso, suggestivo, interessante.

Pubblicato per la prima volta nel 1969, il romanzo di Maya Angelou, "Io so perché canta l’uccello in gabbia", è considerato uno dei libri fondamentali del Novecento. Anche la critica mondiale ne ha un ottimo giudizio, considerandolo uno tra i migliori mille libri di sempre della letteratura afroamericana.

L'opera è in parte autobiografica. Maya Angelou vi celebra la sua voglia di vivere con un coraggio senza limiti e rievoca la disarmante sensibilità con cui viveva, prima bambina e poi adolescente nera, nell’America razzista del secolo scorso. Il suo è un punto di vista originale, espresso con intensità e candore.

La narrazione inizia quando Maya ha tre anni e suo fratello, Bailey, quattro. I genitori li fanno andare a Stamps, nell’Arkansas, nel profondo Sud, per vivere a casa della nonna. I genitori si sono separati, ma i figli, essendo così piccoli, non si rendono conto realmente di quello che succede, non soltanto nella loro famiglia ma anche nella società che li circonda. Il loro è uno sguardo disincantato sulle cose ed è emblematico e simbolico lo stesso titolo che Maya Angelou ha dato a questo romanzo che può trasmettere qualcosa ad ogni essere umano.

Oltre alla nonna, con loro vive anche lo zio. Abitano tutti nel retro dell’Emporio di cui la nonna è proprietaria. Fra la merce ammassata, Maya, bambina, gioca ininterrottamente con Bailey, come se fossero in un luna park e lentamente cresce imparando a conoscere se stessa e il mondo degli adulti.
Sono gli anni Trenta e Maya ha una sua particolarissima concezione delle cose che scopre per la prima volta. Imparare a conoscere il mondo con i suoi occhi è un'esperienza caratterizzata da ingenuità e stupore, ma anche una descrizione puntuale di quella che era la segregazione riservata ai neri in quel particolare periodo storico, durante il quale la parte bianca della società impediva ai neri di vivere liberamente.

È un romanzo magnifico che, a quasi cinquant’anni dalla sua prima pubblicazione, conserva tutta la sua bruciante attualità.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida