......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

venerdì 22 novembre 2013

The Returned di Jason Mott

Non è propriamente un romanzo che segue la scia della moda del momento, quella dei libri con gli zombie, come protagonisti che, a volte, sono una calamità apocalittica, a volte, riescono poeticamente anche ad innamorarsi, risultando poco credibili.
Nel romanzo di Jason Mott, non ci sono né zombie famelici né quelli innamorati, ma persone morte che ritornano, ossia Redivivi.

Però, non tutti tornano.

All’inizio ne tornano solo alcuni, come, ad esempio, Jakob, il figlio di Harold e Lucilie Hargrave, morto cinquant’anni prima. Il misterioso fenomeno si incrementa e si sviluppa in tutto il mondo, senza un’apparente logica. A indagare è l’agente del Bureau, Martin Bellamy, colui che accompagna i Redivivi alle famiglie ed effettua colloqui, per comprenderne cause ed effetti.  

In The Returned si indaga l’animo umano in un momento di crisi che sfocia in scenari da pericolo apocalittico. Quindi, non ci sono zombie fra le pagine, ma esseri umani che ritornano per dare una seconda occasione a coloro che hanno abbandonato, un’occasione per provare di nuovo l’amore o per fare i conti con il passato.

Ci si interroga intimamente, mentre si legge questo innovativo e originale romanzo psicologico.

Tutti abbiamo perso, in un modo o nell’altro, qualcuno. Tutti vorremmo poter avere quelle persone care nuovamente nelle nostre vite e cosa faremmo, se questo fosse possibile?


Lo scrittore Jason Mott
Questo è l’interrogativo principale alla base del romanzo di Jason Mott. Lui stesso ha provato la perdita e ha deciso di identificarsi in uno dei suoi personaggi per scandagliare le possibili scelte e reazioni dell’animo umano. Ha voluto concedersi una seconda opportunità ed ha offerto la possibilità di viverla, insieme a lui, anche al suo lettore, che affianca i protagonisti e si vede agire con loro.

Come ci si potrebbe sentire se questo evento miracoloso dovesse verificarsi? Ce lo dice uno dei personaggi di Jason Mott: “Mi sento meglio di quanto non mi sentissi da anni. Mi sento completo. Appagato. Come se tutta la mia vita fosse come è giusto che sia.”

Tante sono le storie, nei brevi capitoletti intermedi, che non rallentano la narrazione, ma ne dilatano le prospettive. Tante sono le vite portate all’attenzione del lettore per scrutarne il dramma esistenziale, che non è soltanto per chi vede i Redivivi tornare, ma anche per gli stessi ritornati, non esseri, ma persone confuse che faticano a riprendere da dove avevano lasciato e a trovare il loro posto nel mondo.

Chi è stato amato un tempo, ha la possibilità di tornare indietro, però, deve subire tutto ciò che è accaduto durante la sua essenza, quando chi è rimasto ha dovuto affrontare il dolore e trovare un modo per superarlo, continuando a vivere. 


Ci si interroga sulle questioni religiose, che potrebbero aver provocato il ritorno dei Redivivi. Ci si chiede se è un miracolo o se è arrivata la fine del mondo, proclamata nel libro dell’apocalisse e se tutti i misteri saranno davvero svelati.

Davanti ad eventi stranianti di questa portata, nel suo stupefacente romanzo, Jason Mott ha provato a ipotizzarne gli effetti sul genere umano, scrivendo una storia avvincente, che commuove, ma tiene anche sulle spine per le vicende personali dei personaggi, con una prosa elegante, coinvolgente, appassionante e, soprattutto, profondamente intima e psicologica. 


“Quando nessuno rispose, fu come se l’universo avesse, in modo definitivo, avallato tutto quello che lui aveva progettato di fare. Lui aveva dato all’universo una possibilità di fargli cambiare idea, e in cambio l’universo gli aveva dato solo il silenzio di una casa vuota.”



Questo romanzo d’esordio, uscito in contemporanea in tutto il mondo, è alla base della serie tv americana Resurrection, ambientata, come il romanzo, ad Arcadia, una cittadina del Missouri.





5 commenti:

Ambra ha detto...

Credo proprio che proverò a leggerlo.

Luca and Sabrina ha detto...

Pupottina, quanto a letture non ti batte nessuno, sei una stakanovista!
Baciotti
Sabrina&Luca

Rosa ha detto...

ciao Pupottina, molto emozionante la vicenda del bambino, vista dal video, bella storia avvincente che incuriosisce, ciao grazie e complimenti per la recensione , buon week end a presto rosa.9

Felinità ha detto...

Inquietanti domande, anche se tutti vorremmo riavere chi abbiamo perduto.

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

Meno male che non parla di zombie, non ho mai avuto un'attrazione per questi personaggi. Invece sembra che la trama sia molto profonda. A tutti piacerebbe poter parlare di nuovo con chi non c'è più.

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida