......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

mercoledì 24 aprile 2013

Sotto tiro di David Baldacci

Non si può uccidere ciò che non vedi arrivare”.

David Baldacci ne fa il motto di uno dei suoi personaggi, uomini eroici che non temono niente e nessuno, densi di sfumature psicologiche, carichi di  abilità psicofisiche che li rendono esseri al di sopra della media, elementi che si sogna di incontrare e, perché no, anche di essere.

Nel thriller SOTTO TIRO ci presenta John Puller, un veterano di guerra e il miglior agente speciale del Comando dell’esercito degli Stati Uniti per le indagini penali.

A lui affianca una detective locale, Samantha Cole, e tutto acquista sfumature diverse, più avvincenti, e il nostro caro Baldacci non ci risparmia nessun colpo di scena, nemmeno quelli che non avremmo scelto di leggere. 
La sua strategia narrativa è stupirci sempre, complicare le situazioni, renderle avvincenti fino all’inverosimile per non permetterci di staccare gli occhi dalla pagina.

C’è un mix di intrighi in questa storia che solo Baldacci è capace di orchestrare e anche stavolta riesce a non deludere chi decide di leggere uno dei suoi romanzi.

Altro punto a favore di questo thriller paranoico è l’abilità di descrivere le vicende come se fossero le scene di un coinvolgentissimo action movie.

L’unica cosa che non mi sarei mai aspettata in questo thriller è Awol, ma è perfettamente integrato nella storia ed è un aspetto non indifferente che ci porta ad amare il personaggio di John Puller.

1 commento:

Adriano Maini ha detto...

Devo ammettere che Baldacci scrive, anche se il termine può suonare banale, molto bene!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida