......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

domenica 9 ottobre 2011

La zia Julia e lo scribacchino di Mario Vargas Llosa

Cari Amici Blogger,
l'esperienza di Pupottina con il Gruppo di Lettura Bryce's House continua. Il libro letto è stato uno stupendo romanzo di Mario Vargas Llosa, La zia Julia e lo scribacchino.
VOTO 9,5

Chi non ha letto questo libro ed ha intenzione di farlo, non continui a leggere, perché nel commento di seguito, Pupottina svelerà molte parti, unicamente per stimolare un dibattito con chi lo ha già letto.

La trama di Wikipedia è QUI.
La trama a tappe con i commenti lasciati al GdL è QUI, QUI, QUI e QUI.
Non volendo, per brevità, soffermarmi sulla trama del libro, che potete vedere nei link sopra inseriti, preferisco dirvi cosa mi è piaciuto di questo libro. Innanzitutto, mi piace molto la narrazione della storia fatta a capitoli alterni: mentre in quelli dispari si snoda la storia di Mario, giovane diciottenne, e di sua zia Julia, trentaduenne divorziata, sorella della moglie di uno zio, in quelli pari vengono raccontate storie di altri personaggi che, di capitolo in capitolo, iniziano a confondersi, poiché chi gli scrive, lo scribacchino Pedro Camacho, troppo in là con gli anni, inizia a perdere la testa.
E' un libro che scorre facilmente, con i giusti espedienti narrativi per movimentarlo e un finale un po' inatteso. Mi dispiace per Pedro, per la sua condizione con la moglie e per il suo non riuscire ad adattarsi al mondo che ha intorno, ma forse è così per tutti gli scrittori, degni di questo nome. Mi dispiace per la povera zia Julia: il suo è stato un tanto correre per niente, o per soli otto anni, se possono bastare realmente ad una donna. Mario, però, ha trovato chi è pane per i suoi denti. Il lupo perde il pelo ma non il vizio e, divorziaro dalla zia Julia, si sposa con una cugina, tutt'altro che remissiva e comprensiva come la zia.
 
Vi è capitato di leggerlo?
Vi è piaciuto?
Cosa avete preferito e cosa non vi è piaciuto in questo libro?

8 commenti:

Isabel ha detto...

che bella questa cosa dl gruppo di lettura!

Gianna ha detto...

Mi hai piacevolmente incuriosita e corro a leggere la trama.
Buona domenica!

Anonimo ha detto...

Seguo il tuo consiglio e non leggo il post perchè ho intenzione di leggere il romanzo, se tu lo indichi vuol dire che sicuramente merita! :)
Buona domenica e bacioni

Anonimo ha detto...

non l'ho letto e dato che "non si sa mai in futuro" ho preferito tralasciare il post :) buona domenica

Baol ha detto...

Buona domenica :)

Felinità ha detto...

Letta la trama, divertente lo scambiarsi dei racconti .....
Miaoooooùùùùùùùùù

Gabe ha detto...

bell'idea quello del gruppo di lettura.Per ora non lo vado a comprare perchè ho una pila di libri che aspettano il loro turno di lettura,leggo intanto la trama,Buona settimana

Titti ha detto...

E' bello condividere la passione della lettura...
Mi sono incuriosita di questi libro se gli hai dato 9.5!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida