......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

lunedì 23 febbraio 2015

La sopravvissuta di Carla Norton

So chi sei. So cos’hai sofferto. Perché io sono come te. Ma quello che so non basterà a salvarti.


Qual è il limite della normalità? Se lo chiede spesso Regina Victoria LeClaire, la ragazzina rapita a dodici anni e tenuta prigioniera per quasi quattro. A 22 anni ha cambiato legalmente il proprio nome in Reeve, per cercare di superare il suo passato di vittima e gli assalti mediatici che hanno caratterizzato il suo ritorno a casa.

Reeve ci prova con insistenza ad essere come le altre ragazze della sua età, ma c’è sempre qualcosa che in lei non funziona più. Sa che il termine “normale” non piace al suo psichiatra e terapista, specializzato in sindrome da cattività prolingata. Reeve è stata tenuta prigioniera e abusata da un maniaco per tutta

l’adolescenza, e se riesce, in apparenza, a sembrare identica alle sue coetanee è solo merito della sua tenacia e dell’aiuto del dottor Ezra Lerner. Reeve vorrebbe lasciarsi tutto alle spalle, dimenticare, ma sa che non è così che funziona con la sua mente e con le ferite ancora visibili sul suo corpo, cicatrici fisiche e mentali che non si potranno rimarginare mai completamente.

A Jefferson City in California, in pochi anni, sono scomparse tre ragazze, vittime di predatori sessuali. Quando una delle tre, Tilly, ricompare, il dottor Lerner viene chiamato per gestire il caso da stress post traumatico e chiede a Reeve di aiutarlo.

Reeve ha capito che per salvarsi bisogna imparare a salvare gli altri ed è disposta a mettersi in gioco.

In LA SOPRAV- VISSUTA, la giornalista e scrittrice CARLA NORTON ha preso spunto dalla realtà ed creato un ottimo personaggio femminile che è al tempo stesso, fragile e tormentata, empatica e battagliera ed anche sorprendentemente intuitiva. Reeve resta coinvolta nell’indagine. È lei che chiede di poter fare di più, perché comprende il legame tra la sottrazione di Tilly e quella delle altre due ragazzine.

Reeve è un personaggio dinamico, che stupisce per l’impennata caratteriale e per l’intraprendenza del suo spirito, deciso a superare la sua condizione di vittima.

La trama è avvincente, complessa, con il duplice punto di vista di Reeve e di “Signor Mostro” (così Tilly ha ribattezzato l’uomo che alberga nei suoi incubi). Quando tutto sembra volgere per il meglio, un colpo di scena, rimette tutti i personaggi in gioco in un finale che potrebbe trasformare le vicende di Reeve da romanzo autoconclusivo, o stand alone, a serie di thriller psicologici su casi di sindrome da cattività, cosa che mi auguro.

Carla Norton ha cominciato come giornalista corrispon- dente da Tokyo, dove si trovava quando è avvenuta la fuga di Colleen Stan, la donna tenuta per quasi sette anni dentro una cassa di legno da una coppia di maniaci. Su quella storia ha scritto il suo primo bestseller, Perfect Victim che è diventato un libro di testo dell’unità di scienze comportamentali di Quantico, la sede in cui vengono addestrati i profiler dell’FBI. Il romanzo, infatti, non narra solo la terribile esperienza della giovane Colleen, ma è anche un libro esempio che, a detta dell’autrice stessa, tutte le ragazze dovrebbero leggere per essere istruite e proteggersi.





Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida