......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

lunedì 1 dicembre 2014

Il villaggio dei dannati di Elisabeth Herrmann

È una delle più talentuose scrittrici di thriller tedesche ed io la scopro solo ora con IL VILLAGGIO DEI DANNATI. È così che sono entrata in una storia thriller eccellente, ideata da ELISABETH HERRMANN, dove il tema di base sono le cosiddette “morti alla contadina”.
Una donna ambigua, un’allevatrice di ratti, schiva e taciturna, è sospettata di un terribile omicidio. Charlie Rubin, questo il suo nome, ha poche parole da riferire alla polizia: “Io allevo per uccidere”. Sono parole che feriscono come un’arma del delitto. Subito appare l’unica colpevole, la donna abituata ad ammazzare alla contadina, proprio perché è cresciuta in uno sperduto paesino, prettamente agricolo, nella regione del Brandeburgo, dove liquami, maiali e trogolo sono gli strumenti di eliminazione totale.
Ormai considerata pazza e pericolosa da tutti, Charlie è colei che ha gettato un uomo vivo nella gabbia dei pecari e l’ha fatto mangiare vivo.
Qualcuno, però, vede in lei qualcosa di diverso: una vittima.
Di questo avviso è Sanela Beara, una semplice vigilessa croata di lingua tedesca, piccola di statura, ma intenzionata a fare qualcosa di più del suo semplice lavoro di routine. Mentre pensa di cambiare totalmente la sua vita, iscrivendosi alla facoltà di economia, decide di indagare sul passato di Charlie Rubin anche se non potrebbe farlo.
Ha dubbi sulla colpevolezza di Charlie Rubin anche Jeremy Saaler, uno psicologo tirocinante, che non sa a che punto fermarsi nello scavare nei segreti della mente umana.
Pur non conoscendosi, Sanela e Jeremy si trovano ad indagare su quelli che risultano essere una serie di efferati e sconosciuti omicidi. Entrambi, per strade diverse, ma con lo stesso fine, discolpare Charlie e trovare il serial killer, giungono nello sperduto paesino di Wendisch Bruch, dove la presunta colpevole è cresciuta e dove ormai vivono pochissime persone, ancorate al passato. È nel paesino semi disabitato che si nasconde un oscuro segreto, legato ad un doloroso passato di miseria e povertà da cui molti sono fuggiti o sono letteralmente scomparsi.
Il villaggio dei dannati, nel romanzo, nome attribuito dai giornali a Wendisch Bruch, è un thriller scritto in modo avvincente e ricco di colpi di scena. Con una trama disseminata di indizi e di detto e non detto, è un romanzo che giunge ad un’orribile verità appassionando il lettore. Ottiima lettura.
    

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida