......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

domenica 7 dicembre 2014

Il tredicesimo dono di Joanne Huist Smith

Ogni giorno può essere Natale.

“Siamo andati in frantumi. Nelle vacanze natalizie che si avvicinavano non vedevo alcun sollievo né alcuna gioia, solo ricordi che mi tagliavano il cuore come i cocci di una palla da appendere all’albero.”



Questo è il libro per chi odia il Natale.

Per chi non lo capisce.

Per chi non sa cosa sia in grado di donare per il resto dell’anno.

È un romanzo che inizia come il diario di un dolore. È una scrittura per purificarsi dal dolore e cercare di venirne fuori. Senza ombra di dubbio il dolore più grande è il lutto. Joanne Huist Smith ne sa qualcosa, poiché ha perso il marito e ha tre figli da crescere. Il suo dolore fortissimo la annienta e con lei sta andando in pezzi anche la sua famiglia. 

Il Natale le pesa. La opprime. Crede di non riuscire ad affrontarlo ad un anno dalla morte di suo marito Rick. Lo spirito natalizio la infastidisce. Le ricorda tutto ciò che le manca. Il marito, che le aveva promesso che ci sarebbe sempre stato, le ha lasciato tanti ricordi a tema natalizio. Il Natale era sempre stato uno dei momenti più importanti per la sua famiglia ed ora che lui non c’è quella tradizione rischia di perdersi.

Quando tutto sembra andare a rotoli, arriva per incanto un regalo misterioso, il primo dono di una lunga serie che riporterà Joanne alla vita, anche per il bene dei suoi figli. Non c’è regalo più bello al mondo di un gesto d’amore, capace di scaldarci il cuore. Ed è così che, nel romanzo, ogni giorno la famiglia Huist riceve un dono atteso, misterioso e simbolico, che l’aiuterà a far pace con il dolore e trovare la forza di guardare insieme al futuro.


“Uno dei doni più grandi che tutti possediamo è la capacità di donare. Non serve essere facoltosi. La compassione e un cuore buono sono tutto ciò che serve”.


Confesso che è una storia estremamente commovente, ma che trasmette un messaggio positivo di speranza. Aiuta ad affrontare il Natale, quando sappiamo che è forte il dolore perché sentiamo la mancanza di qualcuno che amiamo ancora. Sono l’albero, non ci sono regali più importanti della speranza, dell’amore della famiglia e dei tanti bei momenti insieme da ricordare. Nei momenti più difficili la vita trova sempre una nuova occasione per sorprenderci ed è proprio questo che racconta  IL TREDICESIMO DONO .




Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida