......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

lunedì 23 giugno 2014

Gli amanti di vico San Severino di Nicola Manzò

È un romanzo che non ha una sua stagione prediletta per essere letto. GLI AMANTI DI VICO SAN SEVERINO inizia alle soglie del Natale, ma può essere letto in qualsiasi periodo dell’anno, soprattutto se chi lo legge è alla ricerca di un ottimo giallo con un tocco di humour. In Italia, e non solo, il genere giallo appassiona moltissimo, soprattutto quando ha come valore aggiunto la simpatia dei personaggi e un contorno d’arte e di stupende cornici nostrane. In particolare, in questo romanzo, accanto alle vicende delittuose e alle intricatissime indagini, ad essere protagonista è Napoli con la sua gente, la sua cultura, la sua storia.

Per chi è già stato catturato dalla Sicilia di Andrea Camilleri o dalla Toscana di Marco Malvaldi, è il turno della Napoli di Nicola Manzò che, un capitolo dopo l’altro prende vita e sembra quasi uscire dalle pagine.


A condurre le indagini è il commissario Alfredo Renzi, padano doc, quarant’anni suonati da un pezzo, catapultato in una città sconosciuta, alla testa di una squadra di uomini dei quali ancora non ricorda nemmeno il nome. Quando i suoi subalterni sembrano non bastargli, Renzi ricorre ai frequentatori del barbiere: Ettore Montesomma, il proprietario della barberia; Pierino, un settantenne, considerato il ragazzo di bottega; Tantillo, detto Gùgol, efficace come motore di ricerca di internos, la rete dei vicoli;  Enza la Ribelle, al secolo come Vincenzo Mazzella, trans dal cuore tenero e sensibile; e zia Mariuccia, l’indovina, che con le sue carte è in grado di vedere tutte ‘e ccose.  

La prima indagine, che Alfredo Renzi trova al suo arrivo, è quella di una coppia di amanti trucidati nel loro letto. Apparentemente, sembra un caso già risolto, grazie alla sua pluriennale esperienze, ma niente e come appare e i retroscena delle indagini porteranno alla luce “personaggi sepolti” e “veri e propri tesori”.

GLI AMANTI DI VICO SAN SEVERINO di Nicola Manzò è il primo romanzo di una serie, che già si preannuncia fortunata e con un titolo davvero accattivante: “I delitti del barbiere”. È stato proprio il titolo che mi ha subito incuriosita, mentre a conquistarmi sono stati i retroscena delle indagini, l’umanità di Renzi e, non da ultima, la magia della città di Napoli, raccontata quasi come se si partecipasse ad un tour turistico.  

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida