......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

giovedì 21 gennaio 2016

La sarta di Dachau di Mary Chamberlain

Per il giorno della memoria, quest'anno ho deciso di leggere LA SARTA DI DACHAU.

L'autrice, Mary Chamberlain, professoressa di storia a Oxford, ha scelto di pubblicare questa storia per esordire nell'ambito letterario, romanzando una vicenda verosimilmente storica che intreccia un dramma tutto femminile con le crudeli pagine del Novecento. Mary Chamberlain ha ideato questa storia un po' per caso: mentre sfoglia un saggio sulla seconda guerra mondiale, scopre il mistero del vestito da sposa di Eva Braun, l'amante di Hitler, disegnato da una sarta sconosciuta. In quel preciso momento la sua fantasia comincia a viaggiare, immaginando una ragazza deportata in un campo di concentramento che ha il sogno di diventare stilista. Questa è a genesi di La sarta di Dachau, il primo struggente romanzo di Mary Chamberlain.

La storia inizia a Londra nel 1939, quando la protagonista diciassettenne, Ada Vaughan, sogna il suo futuro fatto d'amore e di splendidi abiti alla moda, abilmente modellati dalla sua mano di apprendista modista.

Quando un elegante uomo inizia a corteggiarla, le sembra di vivere un sogno, dando poca importanza al fatto che parla tedesco. Lui, seducente ed elegante, che bada poco a spese, le propone un viaggio a Parigi. Però, il romantico viaggio da cui sarebbe tornata con un anello al dito, si trasforma in un incubo che la porta nell'inferno del campo di concentramento di Dachau. Ada si aggrappa con tutte le forse al suo sogno romantico per rimanere in vita e, a guerra finita, tornare a casa dalla sua famiglia.

Le donne naziste, invece, nonostante la guerra, non hanno smesso di vestire abiti alla moda e la bravura di Ada la porta a toccare ancora sete e tessuti preziosi dai quali ricavare abiti da sogno.

Ada è un esempio di coraggio. È duro per una ragazza ingenua come lei scoprire quanto è crudele e malvagio il genere umano, soprattutto in periodo di guerra. È una ragazza che diventa donna e continua a lottare anche quando tutto sembra perduto.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida