......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

domenica 10 maggio 2015

Il lago della paura di William Kent Krueger

"Misteri, sempre misteri, pensò lei, rassegnata". Se Jenny O'Connor ha               questa sensazione, il lettore dovrà farsene una ragione fin dalle prime pagine, poiché quando c'è di mezzo Cork, ex agente di polizia di Chicago ed ora investigatore privato, qualcosa di molto misterioso accade sempre.

Lo scrittore del Wyoming, William Kent Krueger, ha creato un ottimo personaggio, Corcoran "Cork" O'Connor, mezzo irlandese e mezzo indiano. Il romanzo che lo vede protagonista per la prima volta è IL LAGO DELLA PAURA o "Iron Lake". Cork è un personaggio tormentato che cerca di superare un grande lutto. A due anni dalla morte della moglie, avvenuta tra le Montagne Rocciose del Wyoming, Cork e la sua famiglia allargata soffrono ancora. Ha tre figli, tra i 25 e i 15 anni, dei quali e fieramente orgoglioso. Con loro, sono costantemente presenti anche la cognata e il marito, preoccupati e afflitti dalla stessa Grande Assenza.

Il gruppo famigliare ha deciso di concedersi una vacanza a bordo di una casa-battello su un remoto lago canadese. Tutto sembrava perfetto, o quasi. Prima che l’orrore arrivi dal cielo. Durante un'escursione, Cork e la figlia Jenny vengono sorpresi da una violentissima tempesta e vengono scaraventati su un’isola devastata. Là, nei pressi di un capanno abbandonato, sotto un riparo di frasche, qualcuno ha nascosto un neonato, denutrito e disidratato. Ma le scoperte per i naufraghi non sono finite: c’è anche il cadavere di una ragazza, che però non è rimasta vittima della furia distruttiva degli elementi, ma è stata torturata e poi uccisa con una pallottola in mezzo alla fronte.

Per Cork è ora di svestire i panni del turista e rimettere quelli dell’investigatore privato. Perché non solo ha un assassino da scoprire, ma soprattutto deve proteggere il bambino da chi vuole impadronirsene a tutti i costi. Ormai, la stessa salvezza dei suoi cari è inscindibilmente legata alla sorte di questo piccolo superstite che la morte segue come un’ombra.

Quella di William Kent Krueger è una storia avvincente, che inizia in modo rilassato, ma poi si trasforma grazie ad un ritmo incalzante e serrato. La paura avvolge i personaggi intorno al lago. Cork O'Connor risulta all'altezza degli eventi ed è un personaggio molto interessante e ricco di sfaccettature. È un ottimo giallo.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida