......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

martedì 26 maggio 2015

Campari a colazione di Sara Crowe



Intenso, acuto, divertentissimo e davvero originale. Ciò grazie alla scrittura poliedrica, dallo stile frizzante e con una trama avvincente. Questo è CAMPARI A COLAZIONE. È il romanzo che avrei voluto leggere durante la mia spensierata adolescenza per poterla apprezzare di più.
Chi l'avrebbe mai detto che un'attrice come Sara Crowe potesse essere tanto brava a scrivere?

Confesso di aver letto questo romanzo proprio per la curiosità che il nome nell'attrice ha suscitato in me con tutta una serie di aspettative. Questo romanzo si è rivelato spettacolare e dalla travolgente ironia.

Sara Crowe, per chi non lo sapesse, è nota al grande pubblico come attrice di teatro, cinema e tv. Faceva parte del cast del film cult, Quattro matrimoni e un funerale, e debutta come scrittrice proprio con Campari a colazione, per il quale ha tratto ispirazione da una vecchia casa cadente e dall'amore per l'eccentricità inglese.

Sara ha iniziato a scrivere da bambina e riaprendo vecchi quaderni di appunti, alcuni personaggi sono tornati a far sentire la propria voce. Tra questi c'è forse la tanto simpatica zia Coral. È proprio quest'ultima che ha saputo parlare al mio cuore con la sua eccentrica ed elegante effervescenza britannica.

Il romanzo è ambientato nel 1987 e narra quello che è il mondo di Sue Bowl, una giovanissima ragazza con tanti sogni, il cui mondo cambia per sempre. Come se non avesse abbastanza problemi con i suoi diciassette anni, il padre se la fa con un'orribile mangiatrice di uomini di nome Ivana. La madre, ormai defunta, l'ha sempre spinta a fare del proprio meglio con quello che ha, e ora ciò che le è rimasto sono il suo amore per la scrittura e una zia, che definire stravagante è dir poco.

Sue si trasferisce per un po' nella malmessa magione di famiglia di zia Coral, Green Place, insieme a un numero sempre crescente di eccentrici personaggi.

Sue organizza un gruppo di scrittura, che tra amori adolescenziali e svendite di borse, avrà modo di scrivere e di scoprire cos'è l'amore. Ovviamente il tutto sarà annaffiato non dal classico e solenne tè inglese, ma, dal citato nel titolo, Campari a colazione.

Potrà Sue fare pace con le questioni irrisolte del suo passato?
"A diciassette anni non sei una donna ma non sei neanche più una bambina. Io non vedo l'ora di compierne venti mentre mia zia Coral vorrebbe tornare ai suoi trenta. Nessuna di noi due può accelerare o invertire questo processo, e a nessuna di noi va giù questa cosa. Sul tema però zia Coral cita sempre Oscar Wilde: "La tragedia della vecchiaia non è essere vecchi, ma essere giovani."

Dal canale 
Harlequin Mondadori 
su Youtube


Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida