......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

martedì 5 novembre 2013

Neve a primavera di Sarah Jio

"Le more scelgono le anime da proteggere."

“Non so se sia peggio perdere qualcuno all’improvviso o poco alla volta.”


NEVE A PRIMAVERA parla di maternità, di amore allo stato puro e di tutta la vasta gamma dei sentimenti possibili. C’è davvero tutto. Riesce a entrarti nell’anima, a commuoverti, a farti palpitare, provando quell’innato istinto di protezione verso il piccolo e indifeso protagonista, Daniel.

Ho imparato ad amare Sarah Jio dopo aver letto il suo romanzo d’esordio “Il diario di velluto cremisi”. È bravissima a narrare segreti e sentimenti, in una storia di mistero.


Il titolo inglese del suo terzo romanzo è “Blackberry winter”, “L’inverno delle more”, un’immagine utilizzata, all’inizio del libro, per spiegare una particolare scena, quella in cui Sarah Jio riesce a toccarti il cuore e, senza accorgerti, ti appassioni alla storia, proprio perché giunge lì, nel profondo.


Alternando i capitoli relativi ai personaggi, Sarah Jio va avanti e indietro nel tempo, nella stessa location, Seattle. Inizia nel periodo della grande Depressione, nel 1933, l’anno della celebre nevicata del 2 maggio, quando Vera Ray perde il suo bambino di soli tre anni e nessuno fa niente per aiutarla, soltanto perché è terribilmente povera. Poi la Jio vola, a quasi ottant’anni dopo, e ci parla di Claire Aldridge, giovane madre mancata, sposata con un uomo ricco, un Kensington, proprietario dell’importante giornale dove lavorano entrambi. A legare i due periodi è l’anomalia meteorologica, la tempesta di Neve a primavera, nello stesso giorno: il 2 maggio.


La copertina orifinale
Claire scopre della misteriosa scomparsa del piccolo Daniel Ray nel 1933 e della mancata indagine, da parte della polizia, per il suo rapimento. Claire ha bisogno di sapere che fine hanno fatto Daniel e sua madre, vuole scoprire se sono riusciti a ritrovarsi. Scoprire la verità, diventa di vitale importanza per Claire ed anche per chi legge il romanzo, perché ormai è troppo coinvolto.



“Quando perdi qualcuno che ami tanto, è come se ti amputassero una mano. Non trovo altro modo per descriverlo. Tutto diventa più difficile. E niente sembra più lo stesso.”




1 commento:

Nella Crosiglia ha detto...

Bel post, e ottima conclusione..più di una mano credimi...
Spesso è il cuore che ti manca!
Un caro abbraccio!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida