......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

martedì 29 ottobre 2013

Scoop: Novembre 2013 con un Beat

Buongiorno Amici Blogger Lettori, attratti dalle novità editoriali.
Ecco le novità Beat del mese di novembre. Non so se voi avete le idee più chiare. A me piacciono tutti. Non saprei quale scegliere. Li leggerei tutti ;-) 
E voi?

BARBARA KINGSOLVER
L'albero velenoso della fede
Beat - pag. 576 - € 13,90 - È il 1959 nel Congo belga. A Léopoldville, la capitale, infuria la rivolta e il governo belga si appresta a concedere l’indipendenza alla nazione africana. A Kilanga, un piccolo villaggio sperduto nel cuore del paese, immerso in una natura lussureggiante, ostile e densa di insidie, giungono dalla Georgia il pastore Nathan Price, sua moglie Orleanna e le quattro figlie, Rachel, Adah, Leah e Ruth May. Il reverendo Price è animato da una sola ardente missione: redimere le anime perdute degli indigeni e convertirle alla fede cristiana. Orlenna è una donna forte e indipendente, che ha avuto il solo torto di maritarsi con un uomo accecato dai dogmi della fede. La primogenita Rachel è un’adolescente frivola e superficiale, che pensa solo a se stessa. Leah e Adah, due gemelle quattordicenni, sono molto diverse tra di loro: la prima ottimista, intelligente, tenace e sensibile; la seconda, emiplegica dalla nascita, è ironica e pessimista e si esprime solo per iscritto, sfruttando la propria condizione per scorgere il mondo al di là delle apparenze. Ruth May, infine, è una bambina di cinque anni, vivace, spigliata e curiosa. Cinque donne che avrebbero bisogno di essere prese per mano in un mondo totalmente estraneo, guidato da codici e riti millenari oscuri per chi proviene dal cuore dell’Occidente cristiano. Il reverendo Price, invece, prosegue ostinatamente per la sua strada, ignaro di ciò che lo circonda. Mentre la situazione politica del paese precipita nel caos, una serie di terribili catastrofi naturali si abbatte sul villaggio e sulla famiglia, già stremata dagli stenti e dalle malattie. E, quando infine una delle figlie muore tragicamente, Orleanna abbandona il marito alla sua follia. Sullo sfondo di un grande paese africano in preda al rivolgimento postcoloniale, coi suoi lutti e le sue speranze, le sue tragedie e i suoi sogni, Barbara Kingsolver ambienta una magnifica storia sui destini di cinque donne alle prese con l’arroganza, la cecità e l’irresponsabilità dell’idealismo maschile.
«Stupefacente… Un romanzo di caratteri, 
un’opera narrativa forgiata dallo sguardo acuto delle donne».
New York Times Book Review

NATSUME SòSEKI - Guanciale d'erba
Beat - pag. 176 - € 9 - Guanciale d’erba narra di un giovane artista, pittore e poeta, che si avventura per un ameno sentiero di montagna di un piccolo villaggio giapponese. Lungo il cammino, in un’atmosfera incantata, incontra viandanti solitari, contadini, paesani, nobili a cavallo e ogni specie d’umanità, finché, sorpreso dalla pioggia, si rifugia in una piccola casa da tè tra i monti. Qui, dalla dolce voce della vecchia tenutaria, apprende la storia della fanciulla di Nakoi, che ebbe la sfortuna di essere desiderata da due uomini e andare in sposa a quello che lei non amava. Il giorno in cui partì, il suo cavallo si arrestò sotto il ciliegio davanti alla casa da tè, e dei fiori caddero qua e là, come macchie sul suo candido vestito… Come un viandante qualsiasi, col suo guanciale d’erba – insieme, il cuscino di chi va per il mondo e una grande metafora del viaggio di ogni uomo alla ricerca di se stesso – l’artista raccoglie questa e altre meravigliose storie lungo il suo peregrinare, semplicemente per ubbidire al suo modesto e sublime compito: «rasserenare il mondo e arricchire il cuore degli uomini».
Dall’autore di Io sono un gatto 
una delle opere fondamentali della moderna letteratura giapponese. 
ADRIENNE SHARP - La ballerina dello Zar
Beat - pag. 416 - € 9 - La Storia narra che Mathilde Kschessinska, figlia del grande Felix Kschessinsky, ballerino che danzò per i Romanov per quasi quarant’anni, divenne, appena diciassettenne, l’amante dello zareviç Niki Romanov. Basato sulle vicende reali dell’ultima grande danzatrice dei Teatri imperiali russi, La ballerina dello zar è uno di quei rari libri che, attraverso lo sguardo di una donna che si ritrova suo malgrado a vivere alcuni dei più tragici eventi della Storia – la rivoluzione d’Ottobre, l’abdicazione dello zar, la prigionia di Nicola II insieme con Aleksej, il figlio legittimo, la drammatica fuga dalla Russia – narra magnificamente di un mondo che si avvia ignaro verso la sua fine. Con la sua impeccabile scrittura, Adrienne Sharp riporta alla luce la vita dell’élite di San Pietroburgo – gli splendidi abiti bianchi delle donne, i ministri della corte in frac e tuba, le corse folli e selvaggi in troica dell’aristocrazia per le vie della città – un attimo prima in cui tutto si muta in polverosa reliquia.
«A Pietroburgo la danzatrice che fece girare la testa allo Zar… 
La storia di Mathilde Ksesinskaja, 
stella del Teatro Mariinskij e amante del futuro Nicola II, 
travolta della Rivoluzione».
TTL la Stampa  
OLIVER POTZSCH - La figlia del boia
Beat - pag. 432 - € 9 - Baviera, 1659. Il destino di Martha Stechlin, levatrice di Schongau, sembra segnato. Messa nelle mani del boia del paese perché le sia estorta formale confessione, attende di essere spedita al rogo per il barbaro omicidio di due bambini. Jakob Kuisl, il boia di Schongau, un gigante alto quasi due metri, la barba nera e spinosa, le lunghe dita ricurve simili ad artigli, non crede però alla sua colpevolezza. E con lui non credono che la dolce Martha sia una strega anche sua figlia Magdalena, un’attraente ragazza dalle labbra carnose, e Simon Fronwieser, il figlio del medico cittadino, un giovane ben visto tra il gentil sesso di Schongau. I tre indagano per cercare di ribaltare una sentenza che sospettano sia stata scritta solo per convenienza politica e, soprattutto, per nascondere una verità inconfessabile. Attraverso un’impeccabile ricostruzione storica della società tedesca del Seicento, La figlia del boia conduce il lettore in un’epoca di superstizioni e follie collettive e delinea una stupefacente figura propria di quel mondo: il boia, un uomo temuto e, ad un tempo, un esperto erborista e un illuminato.

«Della Figlia del boia ho amato ogni pagina e ogni colpo di scena. 
Un romanzo storico di magnifica inventiva e con un protagonista sorprendente: 
un boia fornito di anima che lotta contro i pregiudizi e i tornaconti politici 
per salvare una strega da se stesso». Scott Turow
REX STOUT - Crimini e ricette
Beat - € 12,90 - pag. 256 - Più di 250 ricette originali create tra un’indagine e l’altra dal più sofisticato e goloso protagonista della letteratura gialla. Nero Wolfe, il geniale personaggio creato da Rex Stout, non è solo un infallibile investigatore, ma anche un raffinato gourmet e un eccellente gastronomo. I romanzi che lo vedono protagonista sono talmente ricchi di riferimenti al cibo e alla cucina che nel 1973 Rex Stout ha deciso di dedicare a Wolfe un manuale culinario che è al tempo stesso un ricettario e un viaggio nel suo mondo affascinante ed eccentrico. Grazie a questo libro i manicaretti serviti nella grande casa di Manhattan non hanno più segreti. Dalle pietanze preparate da Fritz Brenner, l’impareggiabile cuoco personale di Wolfe, alle ricette messe a punto dallo stesso investigatore, dagli spuntini improvvisati per Archie Goodwin, di ritorno dalle sue missioni, ai ricercati menu offerti agli ospiti di riguardo, un universo di delizie si schiude in queste pagine: piatti epicurei che, senza essere né eccessivamente raffinati né pretenziosi, soddisfano l’appetito e il palato.
Nero Wolfe, il detective amante della buona cucina, 
«un immenso narciso pigro ed edonista… 
le cui avventure rivaleggiano per numero e varietà con quelle di Maigret».
Goffredo Fofi

AMITAV GHOSH - Il cromosoma Calcutta
Beat - pag. 320 - € 9 - A New York, in un futuro non molto lontano, Antar, un egiziano addetto alle ricerche telematiche dell’IWC, un’organizzazione internazionale che si occupa dell’esaurimento delle risorse idriche, si imbatte in una vecchia tessera di riconoscimento, un ID che risale ai primi anni Novanta del XX secolo. Antar è stufo dell’IWC, vorrebbe tornarsene al più presto in Egitto, ma la curiosità di sapere a chi possa essere appartenuto quell’ID è talmente grande da spingerlo a interrogare Ava, il suo computer di ultima generazione. Lo schermo di Ava si sbianca per un lungo istante, poi sputa la sentenza. La tessera era di proprietà di un certo L. Murugan, «disperso dal 21 agosto 1995» e «visto l’ultima volta a Calcutta», dove si era recato per vedere il monumento, eretto all’interno del Presidency General Hospital, al maggiore medico Ronald Ross dell’Indian Medical Service. Quel Ronald Ross che, come indica un’iscrizione presente nell’ospedale, «nel 1898 scoprì in che modo la malaria viene trasmessa dalle zanzare». Così  comincia questo straordinario romanzo in cui Ghosh costruisce un profondo apologo sulla vulnerabilità del genere umano. Cosa nasconde, infatti, il cromosoma Calcutta? È davvero la chiave di volta dell’intero DNA umano? La soluzione che potrebbe rendere gli uomini immortali come gli dèi?

«Il cromosoma Calcutta unisce la suspense 
del melodramma vittoriano al fascino del thriller scientifico».
The Guardian
 
HOWARD MARKS - Mr Nice
Beat - pag. 560 - € 9 - Nei primi anni Ottanta Howard Marks, figlio di un ufficiale della marina e di una maestra elementare, ha più di quaranta pseudonimi, Mr Nice è uno dei tanti, dispone di 80 linee telefoniche e possiede 25 società commerciali sparse in tutto il mondo, ma per la Dea Drug Enforcement Agency, il dipartimento anti-droga degli Stati Uniti, è un pericoloso criminale. Marks, infatti, contrabbanda fino a 30 tonnellate di erba colombiana diretta in America e Canada ed è in contatto con mafia, IRA, MI6 e CIA. Frequenta alberghi a cinque stelle, rockstar e belle ragazze. Ma la sua vita si trasforma in un inferno quando, nel 1988, viene arrestato e condannato a 25 anni di detenzione presso il penitenziario più severo, a Terre Haute, nell’Indiana. Racconto sincero e travolgente dell’esistenza del più sofisticato barone della droga negli anni della contestazione studentesca, Mr Nice è un irresistibile viaggio nel mondo dei traffici illeciti e nei sogni di una generazione ribelle.

«Una leggenda popolare… Howard Marks dimostra un carisma smisurato. 
La sua voce ricorda Richard Burton e il suo aspetto uno dei Rolling Stone».
Daily Mail

SANDRA PETRIGNANI
Il catalogo dei giocattoli
Beat - pag. 128 - € 9 - Pezzi di materia che si animano, attrezzi da lavoro dei nostri primi anni, i giocattoli ci raccontano qualcosa di come eravamo quando loro erano i nostri bizzosi, amatissimi dèi: la carabina col tappo che emetteva un rumore secco, quasi lo schiocco di un bacio, le automobiline a chiavetta con il suono di ranocchia, l’universo dei pianeti marini nelle biglie disseminate sul letto, i birilli come biberon, con quel nome da capitombolo... Oggi li osserviamo con un misto di nostalgia, inquietudine e una punta di crudeltà. Eppure, i sessantacinque giocattoli descritti in questo libro non seguono un pretesto semplicemente memorialistico. Demoni e angeli custodi, depositari di antichi incanti, paesaggi, odori, «vampiri commedianti che di notte vegliano sui bambini derubandoli momentaneamente della vita», i giocattoli, chiamati a raccolta in questo libro, ci restituiscono l’infanzia come una possibilità eterna, una bacheca colorata, allegra e scintillante, un «cosmo meraviglioso» che chiede di essere esplorato in ogni momento della nostra vita.

«Un incantevole esercizio di leggerezza». Ian McEwan
 
ELIZABETH TAYLOR - ANGEL
Beat - pag. 304 - € 9 - In uno di quei villaggi dickensiani della vecchia Inghilterra, vive Angel Deverell, quindicenne con gli occhi verdi, la carnagione bianca e i capelli scuri, e un animo scontroso e indolente. Senza vere amiche, con un astioso rapporto con la madre, la ragazza vive in un mondo tutto suo, creato dai suoi sogni e dalle sue fantasticherie. Un mondo in cui occupa un posto centrale Paradise House, la villa nobiliare in cui sua zia lavora al servizio di Madam, una vera lady coi polsi ornati da splendidi granati. Il destino, però, ha approntato per Angel la più imprevedibile delle svolte. Un giorno la ragazza decide di trasferire le sue fantasticherie in un romanzo. Grazie al fiuto di un editore di Bloomsbury, l’opera conoscerà un incredibile successo. Angel sarà celebre e ricca e avrà Paradise House e, soprattutto, avrà Esmé Howe-Nevinson, pittore di talento, bello e scapigliato, capace di scoprire la sua natura e di assoggettarsi volontariamente al suo capriccio. Romanzo incluso in una lista delle tredici migliori opere letterarie del dopoguerra pubblicata dallo «Spectator», insieme a capolavori quali Lolita, Herzog e Il signore delle mosche, Angel ha consacrato sulla scena letteraria internazionale il talento di Elizabeth Taylor.

«Elizabeth Taylor: la Jane Austen del XX secolo». San Francisco Chronicle 
 

1 commento:

Titti ha detto...

Mi piace Natsume Soseki, ma questo non l'ho mai letto neanche in giapponese.
Lo leggerò, grazie!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida