......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

giovedì 11 aprile 2013

Lo Strangolatore di William Landay

Albert DeSalvo. Di un personaggio reale, famoso come lui per gli efferati fatti di cronaca statunitense dei primi anni Sessanta, sono pieni giornali e manuali di criminologia.  

L’unico scrittore che ne aveva parlato in un romanzo era stato soltanto Manuel Vázquez Montalbán, nel suo Lo Strangolatore, pubblicato del 1995, un’opera poco riuscita pur essendo stata scritta da un famoso scrittore e che io stessa ho letto con noia a suo tempo. 

Adesso, torna a parlarne William Landay e intitola il suo romanzo con lo stesso titolo del suo predecessore, Lo Strangolatore, ma ottiene tutt’altro risultato. Oltre a Albert DeSalvo, per narrare la sua visione romanzata della storia, Landay aggiunge i suoi personaggi principali, tre fratelli: Michael, Joe e Ricky Daley.


Tre uomini che hanno intrapreso scelte personali e professionali diverse, ma che restano pur sempre i membri di una stessa famiglia. Le loro vite si intrecciano alle vicende dello Strangolatore di Boston e alla realtà che si viveva in quel periodo. I fatti iniziano nel 1963, quando lo Strangolatore è già attivo in città e semina panico nella cittadinanza, ma anche nella polizia.



I fratelli Daley sono figli di un poliziotto e il crimine fa parte del loro DNA, in entrambi i sensi di marcia. Joe è il maggiore ed è quello che ha il nome del padre. Anche lui è un poliziotto dai modi duri con un debole per le scommesse, le belle donne e cavalli perdenti, ed è in rotta di collisione con il crimine organizzato. Michael, il mezzano, è un avvocato laureato ad Harvard alle dipendenze di un procuratore ambizioso che lavora al caso dello Strangolatore. Ricky, il più giovane dei tre fratelli, è uno scavezzacollo, che al senso di giustizia preferisce il ribaltamento della medaglia, ma è anche un esperto scassinatore, che può sempre tornare utile.


A indagare sul caso di quello che i giornali hanno ribattezzato “lo Strangolatore” sono: il commissario capo della omicidi, Brendan Conroy, insieme a Tom Hart, e, per la sezione del distretto, George Wansley, e il già citato Michael Daley.


Oltre alle forze di polizia, anche i giornali, a colpi di titoli, parlano dei delitti dello Strangolatore di Boston, un po’ come avviene oggi con le notizie di cronaca, e tra loro c’è Amy Ryan, giornalista innamorata del più giovane dei fratelli Daley.


In 500 pagine ricche di fermento vitale, elementi investigativi, dettagli, prove, ma anche tanti dubbi, Landay riesce a risolvere, a suo modo e forse parzialmente, il caso dello Strangolatore di Boston che ha atterrito la città, nota al mondo più per la sua opera criminale che per l’aspetto culturale o economico.


Lo stesso DeSalvo è protagonista di molte pagine, nelle quali emerge il suo carattere, il suo pensiero, parla e interagisce con la polizia, si fa interrogare ed è sempre pronto a raccontare gli omicidi così come dice di averli vissuti. 

Le scene del crimine sono romanzate e descritte dettagliatamente, ma sono molto più interessanti che in un freddo manuale.


Torna anche alla mente del lettore il dubbio che non è stato mai chiarito su uno dei più intricati casi di cronaca.

È avvincente il romanzo di Landay che racconta ciò che non è mai stato detto sul caso che la polizia di Boston ha voluto archiviare troppo frettolosamente come risolto. Il dubbio è sempre rimasto fino all’arrivo di Landay.


Un bellissimo romanzo per chi ama approfondire le notizie di cronaca nera, che hanno saputo far storia e scuola al mondo investigativo per la battaglia, sempre aperta, contro il crimine.

IL MIO VIDEO ...


VOTO 10

5 commenti:

Erika ha detto...

Niente strangolatori! Buona vita!!!!

Luca and Sabrina ha detto...

Penso che mi piacerebbe molto, 500 pagine? e ci credo che le descrizioni sono dettagliate! Lo cerco e lo leggerò anche io.
Baciotti da Sabrina&Luca

Adriano Maini ha detto...

Te l'ho appena ritwittato! Comodo, trovarti direttamente là! :)))

Lila ha detto...

sì sì...mi ispira ;)

Ambra ha detto...

Ciao Pupottina. Eccomi tornata.
Un film carico di suggestioni più o meno morbose. Lo strangolatore di Boston, un personaggio che con i suoi orrori ha occupato la mente di molte persone per giorni e giorni.

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida