......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

domenica 27 aprile 2014

VIAGGI NELL'INCUBO di Ellery Queen, Edgar Wallace e Arthur Conan Doyle

 I CLASSICI DEL GIALLO, in particolare nel mondo del poliziesco, ci hanno abituati all’idea che in un viaggio può accadere sempre qualcosa di mystery
I viaggi nei gialli non sono mai noioso e portano inevitabilmente con sé qualcosa di misterioso o pericoloso. 
Ecco spiegata l’origine del titolo, VIAGGI NELL’INCUBO, che riunisce tre grandi esponenti del genere giallo classico.


Nel volumetto speciale de IL GIALLO MONDADORI, numero 72, i due romanzi e il racconto contenuto in esso, narrano vicende misteriose attinenti con il concetto di viaggio. 


I 2 cugini dietro lo pseudonimo di Ellery Queen
Nel primo caso, ELLERY QUEEN, in FRONTIERA MALEDETTA, avvia il romanzo partendo dalla misteriosa sparizione di una giovane moglie devota per sviluppare in seguito tutto il viaggio di ricerca per ritrovarla. 


Edgar Wallace

Nel secondo caso, il romanzo breve di EDGAR WALLACE, LA NAVE DEI MISTERI (1934), Penelope, una giovane fanciulla insieme ai suoi datori di lavoro, intraprende un viaggio che si rivela insidioso di pericoli e che mette a repentaglio la sua stessa vita. 

Arthur Conan Doyle
Invece, nel racconto a chiusura di questo speciale, L’UOMO DEGLI OROLOGI (1898), ARTHUR CONAN DOYLE risolve uno strano mistero che coinvolge tre passeggeri mancanti, all’arrivo nella stazione di Manchester, e di uno non risultante a bordo del treno e trovato cadavere. Il tutto avviene senza chiedere aiuto al noto investigatore di sua creazione Sherlock Holmes, anche se il celato protagonista, con l’escamotage della lettera, ne utilizza il metodo di indagine.

Indubbiamente un volume da collezionare, impreziosito dall’interessantissima prefazione, presente nell’edizione cartacea.

Tre misteri da risolvere, accompagnati da delitti ed enigmi.

Tre stili narrativi che hanno fatto scuola nella moderna narrativa gialla e thriller e nei metodi scientifici di porsi durante un’indagine.

Tre storie avvincenti, narrate con competenza e sempre attuali per i misteri trattati.

Tre biglietti di sola andata, a bordo di un’auto, di una nave o di un treno, ma sempre all’insegna nell’incubo e del mistero.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida