......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Calendario letterario 2018

venerdì 27 dicembre 2013

Cime tempestose di Emily Brontë

Non lo amo perché è bello, ma perché è ancora di più uguale a me stessa di quanto possa esserlo io. Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono identiche.



Giornate nebbiose e fredde. Vento di tempesta e brughiera a perdita d’occhio.

Nel punto più impervio sorge l’antica dimora degli Earnshaw, denominata “Cime Tempestose” proprio per questa sua caratteristica ambientale.

È a Cime Tempestose, il signorile casale nella brughiera dello Yorkshire, che ha inizio le vicenda sentimentale di Catherine e Heathcliff, una storia d’amore come poche, fatta di passione, odio e vendetta. Cime tempestose di Emily Brontë è il suo unico romanzo ed è stato pubblicato nel 1847.

Il romanzo non venne accolto bene dalla critica per la sua struttura narrativa innovativa, fatta di un racconto nel racconto. Infatti è Nelly, la governante di famiglia, a raccontare, a distanza di anni, la storia di Catherine e Heathcliff, influenzandola con il suo punto di vista, fatto di giudizi e pareri, a volte profondamente negativi, mentre in altre più carichi dell’affetto e della pena che ha provato per i suoi padroni.


Il gentiluomo Lockwood è il motivo della narrazione, colui che sprona Nelly a raccontare la storia travagliata di Catherine e Heathcliff e di come l’amore alle volte può essere estremamente distruttivo.

Heathcliff si è sentito tradito da Catherine e le ha giurato vendetta. Le sue parole non sono state un semplice sfogo in un momento di rabbia, ma hanno avuto un piano diabolico anche sui rispettivi figli di entrambi. Hanno creato un uomo incapace di provare amore, soprattutto dopo la morte tragica di Catherine.

Il cuore di Heathcliff, ferito dalle angherie della vita e dall’amore che aveva provato per Catherine, ha premeditato e programmato una vendetta che si è perpetrata, a lungo, nel corso degli anni.


Emily Brontë
Per questi protagonisti, divorati dalla passione e dalla sete di potere, si prova poca simpatia nella loro prolungata autodistruzione. Lo stesso Heathcliff, alla fine, non sente di aver trovato pace, grazie alla sua vendetta.

La tempesta costante nei luoghi si infonde nelle anime dei protagonisti, tormentati, oltre che dai sentimenti, anche da una serie di catastrofi e di lutti familiari.

Più interessante è la prima metà del romanzo che è un crescendo di memorabili ed eterne citazioni sull’amore.

L’ombra tardo gotica della ghost story aleggia sul destino dei personaggi che continuano a cercarsi e a far parlare di loro anche dopo la morte, rammaricati dal non aver attuato scelte diverse in vita, che avrebbero potuto renderli felici, ma che non avrebbero reso tanto interessante questo romanzo. E alla fine quasi viene voglia al lettore di visitarne i misteriosi e malinconici paesaggi di brughiera, avvolti dall’ormai troppo celebre vento tempestoso. 



“Il mio grande assillo nella vita è LUI. Se ogni altro essere umano perisse e LUI sopravvivesse, io continuerei a esistere; e se ogni altra persona restasse a questo mondo e LUI dovesse essere annientato, l'Universo si trasformerebbe in qualcosa di terribilmente estraneo. Mi sembrerebbe di non farne più parte."



“Catherine, possa tu non avere riposo finché io vivrò! Hai detto che sono stato io a ucciderti … perseguitami allora! Gli assassinati perseguitano i propri assassini. Credo ..- so che altri fantasmi hanno vagato su questa terra. Sii con me sempre, assumi qualsiasi forma, fammi impazzire. Ma non lasciarmi, in questo abisso, dove non posso trovarti. Oh Dio, è un dolore indicibile. Non posso vivere senza la mia vita, non posso vivere senza l'anima mia.”

Letto con il Gruppo di Lettura, La Stamberga dei Lettori su Goodreads
Ho condiviso la mia opinione anche su anobii e qlibri.

3 commenti:

Federica ha detto...

me ne son innamorata di questo romanzo!

Felinità ha detto...

Uno dei romanzi più belli sull'amour fou : due personaggi indimenticabili. Buon anno Pupy

Rosa ha detto...

ciao Pupottina, bellissimo libro e bellissimi film, una storia molto romantica e triste, che ci ha fatto sognare, ciao grazie, buon fine anno e buon inizio, baci rosa a presto.)

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida