......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

domenica 22 settembre 2013

L'amore in un giorno di pioggia di Sarah Butler

Anche quando hai perso la strada c’è una stella che ti riporta a casa.



Un libro sulle tante cose che, nei rapporti familiari, vengono omesse, su tutto ciò che una famiglia tace o non riesce a dire. Un romanzo sulla comunicazione all’interno di un piccolo nucleo, come la famiglia, e sull’amore. Un libro intenso, dove a comunicare sono i gesti, le abitudini, più che le parole realmente pronunciate. Un libro troppo breve, ma ricco di emozioni, toccante e commovente, che trasmette il senso delle infinite sfaccettature di cui si compone l’animo umano.

L’amore in un giorno di pioggia non è il primo libro di Sarah Butler, ma il primo che le viene pubblicato. Dietro la tecnica di scrittura personalissima dell’autrice, ci sono molto studio e ricerca. I personaggi, psicologicamente, non sono semplici e lineari. Ed anche la descrizione dei luoghi è precisa dal punto di vista architettonico ed edilizio.

L’amore in un giorno di pioggia ha tre protagonisti: Alice, suo padre Daniel e la città di Londra, moderna e cosmopolita, ma che subisce il fascino di un glorioso passato.

Daniel è un uomo che ha perso la possibilità di essere padre e di crescere sua figlia, ma non ha mai smesso di cercarla. Di lei conosce solo il nome: non l’ha mai vista. Sa che l’ha concepita, in un giorno di pioggia, insieme alla donna che ha amato di più al mondo e che ha perso quasi trent’anni prima. Per Alice, quando arriva il giorno del suo compleanno, Daniel scrive delle lettere piene d’amore e di tutte le cose che vorrebbe poterle raccontare e, non conoscendo il suo indirizzo, le affida al destino, depositandole in luoghi improbabili di Londra, dove spera che lei, per caso, le trovi.

Alice è una ragazza indipendente che nasconde, però, tanta fragilità, poiché non riesce a sentirsi a casa vivendo con la famiglia in cui è cresciuta e, inoltre, ha il tormento di un vecchio amore che non riesce a dimenticare. Per Alice fuggire, dai luoghi e dalle persone, è una costante. Tutti, coloro che la circondano, sono abituati, da sempre, ai suoi viaggi nei luoghi più sperduti del mondo, dove lei va a cercare quella parte di se stessa, che non riesce a trovare, e per vedersi in una prospettiva nuova.

Lo stile narratologico e la scelta lessicale non sono propriamente semplici, perché la Butler ha deciso di farci conoscere i personaggi e di farceli confrontare ed analizzare, alternando non soltanto i capitoli riferiti a Daniel e ad Alice, ma anche corredandoli di liste costituite da dieci cose. Di volta in volta, si trovano liste su ciò che amano, ciò che odiano, ciò che li colpisce, ecc. Queste liste o decaloghi sono elementi mutevoli, che impreziosiscono e schematizzano le sfaccettature dei personaggi principali. Il lettore impara a conoscerli anche grazie a queste sintetiche pagine, nelle quali colori, sapori, oggetti, ricordi e sensazioni prendono vita. I dettagli iniziano a contare più delle parole non dette. Gli oggetti, semplici e quotidiani, iniziano a costruire quel qualcosa chiamato “casa” che entrambi i personaggi cercano, in base al loro legame d’amore. È come se entrambi percepissero quel senso di mancanza e quel sentimento naturale, genetico, che li accomuna e li unisce. Come forze misteriose, aiutate dal destino, i due personaggi trovano la strada che li porta l’uno verso l’altra.



“So che quando ci incontreremo non conterà quanto mi ci sia voluto per trovarti. Quando ci incontreremo, avremo tutto il tempo di dirci quello che dobbiamo dirci. 

3 commenti:

Ambra ha detto...

La cosa più bella è che talvolta nella vita, accadono davvero questi incontri, questo trovarsi insperato. Un libro da leggere.

Flor ha detto...

Ciao Pupottina!
Mi sembra monto interessante, soprattutto per come la storia è raccontata e intrecciata.
Questo libro mi tenta :)
Buona domenica!!!
Bacioni.

Federica ha detto...

questo me lo segno!!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida