......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

venerdì 20 maggio 2016

Ai morti non dire addio di Brian Freeman


È stata lei?

Ore 21:32. Tornando ubriaca da una festa, insieme all'amica Cindy, la dottoressa Janine Snow non immagina che la sua vita stia per prendere la direzione sbagliata. Quando un marito o una moglie muore, i poliziotti, incaricati di risolvere il caso, sanno di giocare al toc-toc con la restante parte della coppia, poiché se uno è morto, l'altro o l'altra è la colpevole. Ed è così che viene analizzato l'omicidio di Jay Ferris, marito violento della cardiologa di successo, dottoressa Snow, ma anche uomo che molti avrebbero voluto vedere sotto terra, per la sua abitudine di non farsi mai i propri affari. Per Jay Ferris, interessarsi dei difetti altrui è più di una semplice deformazione professionale, visto che è un giornalista. La sua è una vera e propria mania di ficcanasare dove non dovrebbe e mettere in guardia la vittima delle sue morbose attenzioni.

La storia si dipana su due linee temporali: il passato ed il presente, nove anni dopo.

L'amica di Janine, Cindy, non c'è più: è morta. Dopo la morte di Cindy, portata via da una malattia terribile, l'esistenza del marito, il detective Jonathan Stride, è andata in mille pezzi, ma ne è venuto fuori, grazie alla nuova compagna, Serena. Il fantasma di Cindy, però, è ancora nell'aria e torna con prepotenza quando viene ritrovata l'arma del delitto, la pistola che ha ucciso Jay Ferris ed ha portato in prigione sua moglie, Janine Snow .

Fu proprio Stride a condurre l'indagine e incastrare Janine, anche senza l'arma del delitto.

Ora, Serena ha in mano l'oggetto che potrebbe ribaltare la sentenza di nove anni prima.

E mentre Stride è alle prese con una serie di rapimenti di donne avvenuti al porto di Duluth, si trova costretto a fare i conti, di nuovo, con quel caso che ritorna dal passato e gli parla della donna che ha tanto amato, la quale credeva nell'innocenza della sua migliore amica. Aleggia nell'aria la probabilità che si stato commesso un terribile errore.

La nuova indagine deve fare luce sulle ombre del passato per verificare se Stride ha commesso un grave errore, mandando in prigione la donna sbagliata.

BRIAN FREEMAN sa come raccontare una storia, orchestrando alla perfezione la trama che mescola gli elementi di un legal con la suspense di un thriller.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida